back 

GIANNI SANJUST

 

 

 Clicca sulla foto per il video di Gianni Sanjust

 

 

Studia il clarinetto da autodidatta e alla fine del 1952 con Peppino De Luca forma i "Traditional Dixielanders" con cui suona fino al 1955, anno in cui entra nella  " IIa Roman New Orleans Jazz Band" con cui rimane fino al 1960, anno in cui viene sostituito da Lucio Dalla.

Dal 1960 al 1962 suona con Romano Mussolini, rivelandosi eccellente clarinettista anche in ambito pił moderno.

Successivamente si trasferisce a Milano per un importante incarico in una casa discografica e pian piano si inserisce nei gruppi locali di jazz tradizionale.

Nel 1977 torna a Roma e riprende la sua attivitą jazzistica quasi a tempo pieno alternandola alla sua attivitą di produttore discografico.

Nella sua lunga carriera ha suonato con Chet Baker, Lee Konitz, Wild Bill Davison, Billy Butterfield, Ralph Sutton, Dan Barrett, Oscar Klein, Romano Mussolini, Lino Patruno, Bruno Longhi in binomio nell' "Italian Clarinet Summit", Enzo Randisi, Franco Ambrosetti, Gianni Basso, Dino Piana, Umberto Cesari, Enrico Rava, Eddy Palermo, Carlo Loffredo e tanti altri.

Attualmente oltre che suonare nel jazz show di Lino Patruno suona con un suo quartetto assieme al pianista Riccardo Biseo.