back 

NEW EMILY JAZZ ORCHESTRA

 

 

La storia della New Emily, infatti parte dal lontano 1953, quando Romolo Grande la fondň come band di jazz tradizionale. Nel corso degli anni la formazione č approdata, attraverso una sorprendente evoluzione stilistica, a un modulo espressivo che fonde in chiave moderna avanguardia e tradizione abbracciando idealmente tutte le stagioni del jazz. Il linguaggio prevalente dell’orchestra č quello del bop, con escursioni nel campo del jazz atonale, modale, free, funky e della musica classica, ma molti altri materiali sonori confluiscono negli arrangiamenti di Romolo Grande e la sintesi stilistica che ne deriva č talmente personale da sfuggire a qualsiasi tentativo di catalogazione. Accanto alla sezione ritmica storica (costruita dagli stessi musicisti fin dal 1965), figura oggi una front-line formata da due sassofoni.
Il repertorio, oltre alle composizioni originali dell’orchestra, comprende brani di C. Parker, C. Williams, J. Heath, A. Vivaldi, J.S. Bach, R. Noble, J. Kern, L. Young, D. Gillespie e F. Morton.
E’ impossibile citare le opere discografiche e gli innumerevoli concerti e festival nazionali e internazionali cui l’orchestra ha partecipato. Basti ricordare i Festival Internazionali di Vienna (1959), Helsinky (1962), Zurigo (1964), Bled (1966), La Spezia (1974), Pescara (1975), Bolzano (1986), Siena (1988), Pavia (1991), Vicenza (2000) e con il Modena Jazz Club nel MoJazzFestival 2001.
 


Formazione:


Mario Parisini: sax tenore e soprano
Stefano Ponzinibbio: sax contralto
Paolo Panzani: pianoforte
Marcello Franchini: basso elettrico
Bruno Franchini: batteria, flautino e voce