back

 

WOODY ALLEN

 

Una sera a New York nei primi anni ’70 in compagnia di Joe Venuti e del giornalista Giuliano Fournier decisi di andare a trovare Woody Allen che si esibiva con la sua band al Michael’s Pub.
Arrivammo che la band era già in azione sul palco tutti impeccabilmente in smoking mentre Woody vestito casual e con un cappellaccio suonava il clarinetto quasi incurante che ci fosse un pubblico che era lì per lui. A un tavolo vicino al nostro sedeva Diane Keaton allora sua fidanzata. Woody si accorse della presenza di Joe Venuti e durante la pausa fece alzare Diane dal suo tavolo e assieme si aggiunsero al nostro . Woody era alla mia sinistra e cominciammo a conversare di jazz e di spettacolo. Gli proposi di venire in Italia e di studiare assieme qualcosa per la TV; lui molto professionalmente mi mise in mano un biglietto da visita dicendomi: ”Questo è l’indirizzo del mio manager, se vuoi parlare di lavoro puoi contattare lui!”; più o meno alla maniera di uno dei personaggi niente affatto simpatici che interpretava nei suoi bellissimi film. Mentre eravamo seduti si avvicinò al nostro tavolo un signore milanese che Giuliano e io avevamo conosciuto sull’aereo al quale avevamo detto che saremmo andati al Michael’s Pub.
Senza essere invitato sedette eccitato al nostro tavolo vicino Woody e lo salutò con una sonora manata sulla spalla che gli fece cadere gli occhiali esclamando: “Oè! Te’l chi el’ Woody Allen!”
A stento trattenemmo le risa che continuarono anche dopo che Woody lasciò il nostro tavolo per la seconda parte dello spettacolo.
Qualche tempo dopo mi recai a New Orleans con Oscar Klein e una sera a una jam session incontrammo il batterista Barry “Kid” Martin che a New York divideva l’appartamento con Woody Allen. Mi venne in mente che avrei potuto dedicare uno degli special, che stavo realizzando alla Televisione Svizzera, alla musica del clarinettista George Lewis a cui Allen si ispirava e che avrei potuto chiamare lui stesso a ricordarlo. Barry mi diede il suo indirizzo e mi consigliò di scrivergli; mi disse inoltre che al suo ritorno a New York glie lo avrebbe ricordato anche lui. Di ritorno a Milano gli scrissi ricordandogli il nostro incontro con Joe Venuti e la mia amicizia con Barry “Kid” Martin, invitandolo a Lugano e aggiungendo che, se questo non fosse stato possibile, lo avrei raggiunto con una squadra a New York per registrare un suo intervento. Gli dissi anche che la Televisione Svizzera non avrebbe avuto problemi per il suo cachet. Non si degnò neanche di rispondermi (probabilmente per risparmiare i soldi per il francobollo).
Diversi anni dopo, nel 1998 venne in Italia Woody venne in Italia per una serie di concerti con una sua jazz band. A Roma tenne un concerto al Teatro Sistina zeppo fino all’inverosimile ma non so quanti di quei presenti conoscessero il jazz. Alla fine ci ritrovammo tutti all’Hotel Majestic per una cena organizzata dalla Telecom. Erano state approntate due pedane sulle quali si alternarono molti dei musicisti presenti. C’era il fior fiore del jazz romano; tra gli altri, Romano Mussolini, Gianni Sanjust e Carlo Loffredo sempre pronto a far da catalizzatore in serate del genere. Della band di Woody facevano parte anche Dan Barrett, Eddie Davis, Cynthia Sayer e Simon Wetthenall, e alcuni di loro si unirono a noi in jam session. Chiamammo Woody che era seduto al tavolo sotto il palco dove stavamo suonando e lo invitammo a suonare con noi, ma lui si rifiutò. Prima della fine della serata Adriano Mazzoletti organizzò un foto storica con tutti i musicisti presenti per la stampa. La cosa divertente fu che il giorno dopo, l’organizzatore infuriato chiamò Mazzoletti e gli mostrò le foto in cui appariva Carlo Loffredo con l’indice e il mignolo della mano destra dietro il capo di Woody Allen che accennava le tradizionali “corna”. Si dovette ricorrere a un grafico per correggere quelle immagini. A Loffredo chiedemmo perché lo avesse fatto e lui rispose: “Così impara! Un musicista di jazz non rifiuta mai di partecipare a una jam session, e poi di quella portata!”
Molti musicisti storcono il naso quando si parla di Woody Allen clarinettista; io non sono d’accordo perché evidentemente costoro non conoscono la musica di George Lewis a cui lui si ispira. Allen è un discreto clarinettista che suona quel particolare stile di New Orleans che se non si conosce non si può apprezzare.
 

                                                                                                                            LINO PATRUNO

 

 

 

 

             

                                                                                                          Clicca sulla foto per il video di Woody Allen