home page

 

E' uscito il DVD del film “Scott Joplin” del 1977, prodotto dalla Cineclub Classico, per la regia di Jeremy Kagan e interpretato da Billy Dee Williams, Art Carney, Margaret Avery, Clifton Davie, Godfrey Cambridge e il grandissimo pianista di ragtime Eubie Blake vicino a Scott Joplin nei primi anni ’10.

La musica è stata affidata al celebre pianista Dick Hyman.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI MARTY NAPOLEON

Il 27 Aprile, all'età di 93 anni, è scomparso a New York, dove era nato, il pianista Marty Napoleon che ricordiamo per molti anni con gli All Stars di Louis Armstrong. Marty era nipote del leggendario Phil Napoleon, uno dei pionieri della storia del jazz, e suonò con lo zio agli inizi della sua carriera negli "Original Memphis Five". Era fratello di Teddy Napoleon, anche lui eccellente pianista, e suonò anche con il gruppo del grande batterista Gene Krupa. Lino Patruno incontrò Marty e parlò a lungo con lui a Juan Les Pins, in occasione del concerto degli All Stars che qui potrete vedere e ascoltare cliccando qui.

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI GIAMPIERO RUBEI

E' scomparso il 1° Aprile a Roma, all'età di 75 anni, Giampiero Rubei.

Giampiero Rubei aveva fondato 30 anni fa l'Alexanderplatz di Roma, uno dei rari templi del jazz italiano. A lui si deve il Festival di Villa Celimontana che ha diretto infaticabilmente per decenni.

Alla moglie e ai figli Eugenio e Paolo vanno le condoglianze di "Jazz Me Blues".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E' scomparso il 30 Marzo a Colleferro, nella clinica dove era ricoverato, il batterista Nick Mandarino.
Nick, noto per la sua simpatia e la sua disponibilità, aveva suonato con molti gruppi italiani, fra i quali ricordiamo la Sweetwater Jazz Band di Michael Supnick, il Lino Patruno Jazz Show e la Red Pellini Hot Dance Orchestra. Ha accompagnato anche solisti internazionali, fra i quali ricordiamo il clarinettista Tony Scott e il trombonista George Masso. E' stato leader del Blue Mainstream Trio con Giorgio Cuscito al pianoforte. In passato aveva lavorato anche nei night club, nei teatri e nelle tournee estive di Beppe Grillo.

Per il video di Nick Mandarino clicca qui.

 

 


 

LA SCOMPARSA DI CLARK TERRY

E' scomparso il 21 Febbraio 2015 il grande trombettista Clark Terry. Nato a St. Louis il 14 Dicembre 1920, aveva suonato nelle orchestre di Charlie Barnet (1947), Count Basie (1948-1951), Duke Ellington (1951-1959) e Quincy Jones (1960). Il suono della sua tromba influenzò un'intera generazione di trombettisti. Oltre che in grandi orchestre, Terry ha suonato in piccole formazioni come leader e come sideman. Fu uno dei primi ad usare il flicorno nel jazz, e vantava sessant'anni di carriera nella musica jazz, nel corso della quale ha suonato, da pari, con i più grandi.

Per il video di Clark Terry clicca qui.

 

 

 

 

 

I video di jazz di Lino Patruno su youtube che, alla data dell'8 Gennaio 2015, hanno superato le 10.000 visite sono i seguenti:

1) "Amapola" con Gianni Sanjust (104.979)
2) "When You're Smiling" con Michael Supnick (36.207)
3) "When the Saints Go Marchin' In" con il Jazz Show (35.237)
4) "Remembering Randolph Scott" con Clive Riche (28.222)
5) "Stardust" con Gianni Sanjust (23.167)
6) "Hello, Dolly!" con Guido Pistocchi (18.854)
7) "Baby, Won't You Please Come Home" con Michael Supnick (17.171)

8) "One O'Clock Jump" con Teddy Wilson (15.506)

9) "What a Little Moonlight Can Do" con Rebecca Kilgore (13.579)

10) "After You've Gone" con Dan Barrett (12.946)

11) "Jazz from Italy" (assieme a R. Sellani, E. Intra, F. Ambrosetti, G. Manusardi) (12.323)

12) "It Had to Be You" con Rebecca Kilgore (12.279)

13) "Hindustan" con il Jazz Show (11.498)

14) "I'm Confessin' That I Love You" with his All Stars (11.069)

 

 

 

LA SCOMPARSA DI JIM GALLOWAY

E' scomparso il 30 Dicembre u.s. a Toronto (Canada) il sassofonista scozzese Jim Galloway.

Jim Galloway, che era nato in Scozia nel 1936, si era trasferito in Canada dove aveva creato il Toronto Jazz Festival.

Nel 2000, 2001 e 2002 era venuto in Europa e, ad Ascona, tenne diversi concerti. Ha inciso dischi con Lino Patruno, Ed Polcer, Dan Barrett, Tom Baker, Rebecca Kilgore, Allan Vachè e Bob Havens.

Per il video di Jim Galloway clicca qui.

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI BUDDY DE FRANCO

E' scomparso il 24 Dicembre scorso a Panama City all'età di 91 anni il grande clarinettista Buddy De Franco.

Buddy De Franco che era nato a Camden nel 1923 è stato uno dei grandi clarinettisti della storia del jazz.

Ricordiamo le sue molteplici collaborazioni fra le quali quelle con Oscar Peterson, Art Tatum, George Shearing, Gene Krupa, Charlie Barnet, Terry Gibbs...

Ha suonato spesso in Italia e, in una di quelle occasioni, si è esibito anche con il nostro grande clarinettista pescarese Bepi D'Amato.

Per il video di Buddy De Franco clicca qui.

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI GUIDO CAIRO

E' scomparso il 28 Novembre a Milano all'età di 73 anni il pianista Guido Cairo. Guido nel corso degli anni suonò con alcune fra le più agguerrite formazioni New Orleans italiane come la Bovisa New Orleans Jazz Band e i Jambalaya Six. Con la Bovisa incise molti dischi accompagnando grandi solisti del jazz di New Orleans del passato pubblicati sull' etichetta G.H.B. di New Orleans.

Nell'Aprile del 2000, sempre a New Orleans, fu invitato a partecipare al "French Quarter Jazz Festival".

Per il video di Guido Cairo clicca qui.

 

 

 

LA SCOMPARSA DI ACKER BILK

E' scomparso il 2 Novembre all'età di 85 anni il clarinettista e bandleader inglese Acker Bilk che era nato a Pensford in Inghilterra nel 1929.

Conosciuto come Mr. Acker Bilk ha diretto per decenni la sua Paramount Jazz Band e negli anni '60 scrisse il brano "Strangers on the Shore" che ha venduto milioni di dischi in tutto il mondo.

Per il video di Acker Bilk clicca qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI RENATO SELLANI

Ci ha lasciato all'età di 88 anni il grande pianista Renato Sellani. Sellani era nato a Senigallia nel 1926 e arrivò a Milano nel 1958 invitato dall'amico Franco Cerri. In quello stesso anno fece parte del quintetto Basso-Valdambrini e nel 1959 incide l'LP "Chet Baker in Milan" con il celebre trombettista satunitense. Ha suonato con Lee Konitz, Sarah Vaughan, Bill Coleman, Dizzy Gillespie e Phil Woods.

Per il video di Renato Sellani clicca qui.

 

 

 

 

LINO PATRUNO A NEW ORLEANS

Lino Patruno è stato invitato dalla comunità italo-americana di New Orleans a tenere un grande concerto in occasione del Columbus Day.

Questa è la formazione che si esibirà venerdì 10 Ottobre.

 

 

LINO PATRUNO JAZZ SHOW

Fabrizio Cattaneo (trumpet, vocals)

Daryl Jacobs (trombone)

Brian O'Connell (clarinet)

Leslie Martin (piano)

Lino Patruno (guitar)

Brian Quezergue (double bass)

Geoff Clapp (drums)

Mauro Carpi (violin)

Pierluca Buonfrate (vocals)

 

Al concerto prenderà parte l'attore FRANCO NERO che reciterà alcuni testi di blues.

 

TRIBUTE TO THE ORIGINAL DIXIELAND JASS BAND, LEON RAPPOLO, JOE VENUTI & EDDIE LANG (Salvatore Massaro) AND LOUIS PRIMA.

 

Per il video di Lino Patruno e Franco Nero al Jazz Festival & Heritage del 2011 clicca qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E' scomparso a Vercelli il 24 Maggio all'età di 80 anni il baritonsassofonista e clarinettista Sergio Rigon.

Sergio aveva suonato con Giorgio Gaslini, Gil Cuppini, e, nei dischi incisi da Lino Patruno negli anni '70, con Joe Venuti e Bill Coleman.

 

 

 

 

 

 

 

E' scomparso a New York City il 9 Maggio, all'età di 92 anni, il trombettista Joe Wilder.

Wilder era nato a Colwyn, Pennsylvania, nel 1922 e nella sua lunga carriera iniziata nel 1940 ha suonato con Benny Carter, Billy Holiday, Benny Goodman, Lena Horne, Lionel Hampton, Tony Bennett, Dizzy Gillespie...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E' scomparso la notte del 13 Gennaio 2014, all'età di 86 anni, il contrabbassista della Milan College Jazz Society, Gigi Bagnoli.
Fratello del sassofonista Carlo Bagnoli e padre del batterista Stefano, è stato uno dei fondatori della "Milan College Jazz Society" nei primi anni '50.
Per il video della Milan College Jazz Society clicca qui.

 

 

 

 

 

 

E' uscito su DVD il film "La signora del Blues" (Lady Sings the Blues) del 1972 che racconta la tormentata storia di Billie Holiday, interpretata magistralmente da Diana Ross. La colonna sonora è arrangiata da Michel Legrand e, in parte, anche da Oliver Nelson e Benny Golson.
Tra i musicisti che hanno preso parte alla registrazione della colonna sonora ricordiamo Cat Anderson, Harry Edison, George Auld, Buddy Collette, Plas Johnson, Marshall Royal, Red Holloway, Jimmy Cleveland, Red Callender.... Nel film inoltre appaiono anche Panama Francis e la jazz band del trombettista Teddy Buckner. Un Video che non può assolutamente mancare nella videoteca degli appassionati della nostra musica. Per il video del film clicca qui.

 

 

 

E' mancato all'età di 84 anni a New Orleans il produrttore discografico George H. Buck.
George H. Buck, che era nato nel New Jersey nel 1929, creò l'etichetta "Jazzology", la più importante di jazz classico del mondo.
Ha pubblicato migliaia di LP e di CD che rimangono nella storia del jazz classico.
Solo i CD di Lino Patruno e della Bovisa New Orleans Jazz Band in compagnia di grandi musicisti americani sono stati pubblicati da questa prestigiosa etichetta.

 

 

 

E' scomparso all'età di 83 anni a Buffalo nello Stato di New York il grande chitarrista statunitense Jim Hall.
Lino Patruno lo ricorda a New York negli anni '70 come spettatore in prima fila con la sua famiglia al Lincoln Center di New York a un concerto della jazz band del trombonista di San Francisco Turk Murphy.
Inoltre, anche se è stato uno dei maggiori chitarristi del jazz moderno, lo ricordiamo anche come chitarrista in alcuni LP dei "Dukes of Dixieland" di New Orleans. E non è stato il solo chitarrista a suonare con i "Dukes of Dixieland", anche Herb Ellis incise con loro un LP. Per la cronaca anche il grande Barney Kessel incise un paio di LP con la "Creole Jazz Band" di Kid Ory.
Tutte operazioni inconcepibili per i nostri "astri" del Giaaaaaas che non sanno neanche di cosa stiamo parlando!

Per il video di Jim Hall clicca qui.

 

 

 

Finalmente a Milano, o meglio a Buccinasco (nei dintorni), un jazz club dedicato esclusivamente al jazz e non agli inutili "dintorni" come succede nella maggior parte dei festival e dei locali all'italiana.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E' stato pubblicato il DVD del film "Night and Day" che uscì nel dopoguerra con il titolo "Notte e di". Si tratta della biografia romanzata del celebre compositore Cole Porter interpretato dal grande Cary Grant.
Una curiosità: quando Cary Grant è seduto al pianoforte canta in italiano e, per quell'occasione, fu chiamato a dargli la voce Alberto Sordi.
In questo video invece vedrete la stessa scena però in lingua originale; accanto a lui la vocalist Ginny Simms.
Per il video del film clicca qui.

 

 

 

 

 

Alla Casa del Jazz a Roma, a partire da Domenica 13 Ottobre alle ore 12,00
Lino Patruno riprende le sue lezioni di Storia del Jazz.

LINO PATRUNO presenta
"Gli stili del Jazz"
con Silvia Manco (pianoforte e voce)


 

Domenica 13 Ottobre, ore 12,00
1) Le Origini, il Ragtime, New Orleans

Domenica 27 Ottobre, ore 12,00

2) Il Dixieland, lo stile Chicago

Domenica 10 Novembre, ore 12,00
3) Il Jazz di New York

Domenica 24 Novembre, ore 12,00
4) Lo Swing: le grandi orchestre

Domenica 8 Dicembre, ore 12
5) Lo Swing; i piccoli gruppi

Domenica 22 Dicembre, ore 12,00
6) Il Be Bop e il Cool Jazz

Domenica 29 Dicembre, ore 12,00
7) Il Jazz Classico oggi
con gli Hot Stompers

 

 

 

 

 

 

7 PETROVAC JAZZ FESTIVAL - MONTENEGRO 2013 THERASA KASTELLO
-----------------------
August 31
White Goes Back
Arthur Dutkiewitz Trio
Cotton Pickers
------------------------
September 1
Mr.Baloon
Triad
Lino Patruno Jazz Show

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI MARIAN McPARTLAND
Il 20 Agosto a Long Island (New York), è scomparsa la celebre pianista inglese Marian McPartland.
Marian, che era nata a Slough in Inghilterra nel 1918, aveva spostato il celebre cornettista Jimmy McPartland caposcuola dello stile Chicago nel 1927.
Nella sua lunga carriera incise numerosi dischi fra i quali ricordiamo quello inciso con suo marito dedicato a Bix dal titolo "Shadows of Bix".
Per il video di Marian McPartland clicca qui
.

 

 

 

 

 

 

 

                   

ALTRI 3 NUOVI ITUNES DI LINO PATRUNO
Sono in rete altri 3 ITunes di Lino Patruno pubblicati dalla Sifare i cui contenuti si possono leggere sul sito www.linopatruno.it (i CD's n. 42,43 e 44).

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI MASSIMO CATALANO
E' scomparso ad Amelia la mattina del 2 Maggio Massimo Catalano, trombettista e personaggio radiotelevisivo.
Massimo, che era nato 76 anni fa a Roma, militò nella "Seconda Roman New Orleans Jazz Band" e, successivamente, nei "Flippers".
Il successo gli venne in occasione della trasmissione televisiva "Quelli della notte".
Per il video di Massimo Catalano clicca qui.

 

 

 

 

Un'altra perla ritrovata. E' uscito nei negozi il DVD del film "Stormy Weather" diretto da Andrew Stone nel 1943 e interpretato da Lena Horne, Bill Robinson, Cab Calloway, Fats Waller e i Nicholas Brothers. La casa editrice è la Golem Video, il numero di catalogo TV 153.

Per il video clicca qui.

 

 

 

 

DUE NUOVI DVD CON 2 STORICI FILM DI JAZZ
Sono appena usciti 2 nuovi DVD contenenti 2 storici film sul Jazz. Si tratta de "I 5 Penny" dedicato alla figura storica di Red Nichols e di "Tempo di Furore". La casa che li ha prodotti è la Golem e i numeri sono: Golem TV 140 (per "I 5 Penny") e Golem TV 141 (per "Tempo di furore").
Altre 2 perle che vanno ad aggiungersi allo squallido panorama cinematografico musicale odierno.

Per i 2 video clicca sulle copertine

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI TERRY LIGHTFOOT
E' mancato all'età di 78 anni il clarinettista e band leader inglese Terry Lightfoot che è stato uno dei protagonisti del Trad Inglese degli anni anni '50 e '60 assieme a Chris Barber, Ken Colyer, Acker Bilk e Kenny Ball.

Per il video di Terry Lightfoot clicca: http://www.youtube.com/watch?v=gjgVY2vQumU

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI KENNY BALL
E' scomparso il 7 Marzo scorso in Inghilterra il trombettista Kenny Ball. Kenny Ball, che era nato nell'Essex nel 1930, per oltre 50 anni ha diretto la sua jazz band ottenendo strepitosi successi in tutto il mondo. Il suo disco "Midnight in Moscow" ha venduto milioni di copie ed è stato uno dei best-seller del jazz assieme a "Petite Fleur" di Bechet e a "Washington Square" dei Village Stompers.
Per il video di "Midnight in Moscow" nell'interpretazione di Kenny Ball clicca: http://www.youtube.com/watch?v=Cn8Os8nig74

 

 

 

CHIUSO COLONY, IL PIU' IMPORTANTE NEGOZIO DI DISCHI DI N. YORK
E' triste vedere chiuso il negozio di dischi più importante di New York. La crisi purtroppo è arrivata ovunque.

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI ARMANDO TROVAJOLI
E' scomparso il 2 Marzo a Roma il celebre pianista e compositore Armando Trovajoli.
Trovajoli, che era nato a Roma 95 anni fa, iniziò la sua attività jazzistica nel 1939 con l'orchestra di Sesto Carlini.
Nel 1949 rappresentò l'Italia al Festival du Jazz de Paris alla Salle Pleyel in trio con Gorni Kramer al contrabbasso e Gil Cuppini alla batteria. Compositore di decine di colonne sonore non ha mai dimenticato il jazz esibendosi in trio nelle trasmissioni televisive musicalmente da lui curate e incidendo interessantissimi LP.

 

 

 

 

UNA RARISSIMA FOTOGRAFIA DEGLI HOT FIVE DI LOUIS ARMSTRONG RITROVATA
Da sinistra a destra: Kid Ory, Louis Armstrong, Johnny Dodds, Lil Hardin, Johnny St. Cyr

 

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI DAVE BRUBECK
E' mancato il 5 Dicembre il celebre pianista Dave Brubeck che il 6 Dicembre avrebbe compiuto 92 anni.
Celebre per decenni è stato il suo quartetto applaudito dalle platee di tutto il mondo e il brano "Take Five" composto dal suo sassofonista Paul Desmond che ha venduto diversi milioni di dischi nell'arco di 60 anni.
Fra le sue collaborazioni più originali ricordiamo quella con Louis Armstrong che possiamo ascoltare nel brano "Summer Song" cliccando qui.

 

 

 

 

 

UN FUMETTO RITROVATO
Grazie al collezionista Ugo Nanni, con piacere vi mostriamo questa rarissima antica pagina a fumetti con il celebre violinista Joe Venuti protagonista dei suoi "notissimi" scherzi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E' scomparso il 14 Novembre all'età di 81 anni a Boulogne Billancourt il clarinettista Maxime Saury.
Maxime, che era nato a Enghien-Les Bains, è stato uno dei maggiori esponenti del jazz tradizionale francese fin dai primi anni '50.
Dal 1955 al 1968 fu ospite fisso con il suo gruppo della Cave de la Huckette di Parigi riscuotendo sempre grandi successi.
Prese parte a molti Festival del Jazz, a numerose trasmissioni televisive e, fra gli anni '50 e gli anni '60, ad alcuni film fra i quali ricordiamo "Bonjour Tristesse" di Otto Preminger, "The Cheaters" di Marcel Carné , "Mon Oncle" di Jacques Tati, "Adieu Philippine" di Jacques Rozier .

Per il video di Maxime Saury clicca qui.

 

 

 

LA SCOMPARSA DI GENNARO D'APOTE
Il 12 Novembre è scomparso a Lesina, dove era nato 56 anni fa, il contrabbassista e leader degli "Hot Stompers" Gennaro D'Apote. Gennaro, amatissimo da chiunque abbia collaborato con lui o soltanto lo abbia conosciuto, lascia un vuoto incolmabile. Oltre ad essere musicista era uno straordinario collezionista di dischi di jazz e un ricercatore infaticabile di documenti dell'epoca riguardanti tutto il jazz dalle origini agli anni '30.
La sua band continuerà l'attività musicale senza di lui ma d'ora in poi si chiamerà "The Hot Stompers of Gennaro D'Apote".

Per il video di Gennaro D'Apote con gli Hot Stompers clicca qui.

 

 

 

 

 

 

 

E' scomparso all'età di 79 anni il batterista Carlo Sola (nella foto assieme a Teddy Wilson) che si formò nelle orchestre da ballo del secondo dopoguerra; successivamente si interessò al jazz dopo l’incontro con Cozy Cole, visto in concerto con Louis Armstrong in Germania. Trasferitosi a New York per studiare con lo stesso Cole, al suo ritorno in Italia nel 1962 Sola entrò stabilmente nell’Orchestra della RAI di Milano, ma non interruppe mai la sua attività jazzistica, che lo portò a suonare con Slide Hampton, Dexter Gordon, Don Byas, Bud Freeman, Art Farmer, Teddy Wilson, Charlie Mariano, Lionel Hampton, Joe Venuti, Chet Baker, John Lewis, Wild Bill Davison, Eddie Miller, Billy Butterfield, Kenny Davern, Yank Lawson, Bob Wilber, Lino Patruno e la Milan College Jazz Society…

Per il video di Carlo Sola con Eddie Miller, Lino Patruno e la Milan College Jazz Society clicca qui.

 

 

 

                   

La Sifare ha postato su ITunes 3 complilation di Lino Patruno. La prima è tratta da un concerto del 1984 che lo vede assieme a Romano Mussolini, Oscar Klein e Paolo Tomelleri; la seconda riprende parte di 3 concerti tenutisi alla "Parade du Jazz di Nizza" nel 1976 e 1977 che lo vede assieme alla Milan College Jazz Society e a 3 illustri guests: il clarinettista Barney Bigard e i trombettisti Pee Wee Erwin e Oscar Klein; la terza ripropone i brani contenuti nel LP "New Orleans, New Orleans" che Lino Patruno incise nel 1986 assieme al trombettista inglese Ted Fullick.

 

 

 

ALTRI DUE NUOVI CD's DI LINO PATRUNO CHE COMPLETANO LA SERIE DEI BRANI INEDITI DAL SUO TV JAZZ SHOW
Sono stati pubblicati dalla Sifare altri 2 CD's con brani provenienti da trasmissioni televisive del Jazz Show di Lino Patruno degli anni '70 e '80. Il complesso "di casa" è la Milan College Jazz Society che affianca grandi solisti statunitensi come Bud Freeman, Eddie Miller, Kenny Davern, Wild Bill Davison, Billy Butterfield, Dick Wellstood, Ralph Sutton.

 

 

 

LA SCOMPARSA DI MAT DOMBER
Si è spento il 19 Settembre all'età di 84 anni a San Pietroburgo in Florida il fondatore e presidente della Arbors Records, la fantastica etichetta discografica dedicata esclusivamente al jazz classico. Durante la sua lunga carriera Domber ha prodotto oltre 300 CD's fra i quali ricordiamo quelli incisi da Ruby Braff, Kenny Davern, Bob Haggart, Dick Hyman, Dave McKenna, Bucky Pizzarelli, Flip Phillips, Ralph Sutton, Johnny Varro, Bob Wilber, Howard Alden, Harry Allen, Dan Barrett, Scott Hamilton, Rebecca Kilgore, Nicki Parrott, Ken Peplowski, Daryl Sherman, Rossano Sportiello e Aaron Weinstein... Alla moglie Rachel, che gli è sempre stata accanto nel suo lavoro e che continuerà l'attività creata dal marito, vanno le nostre sentite condoglianze.

 

 

 

Di seguito potete vedere un rarissimo filmato ritrovato dei Rampart Street Paraders i cui LP negli anni '50 ebbero un grande successo e di cui non se ne sapeva nulla fino ad oggi!

http://www.youtube.com/watch?v=vpVCsy6o9pc

 

 

 

 

 

 

12° FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL JAZZ TRADIZIONALE E SWING

Per il 12° anno consecutivo, ritorna a Rimini il Jazz delle Origini e dello Swing con alcune fra le più celebri band del panorama musicale nazionale e internazionale.

Di seguito il programma dettagliato.

 

28 Settembre:

AMBASSADOR BAND  (Italia)

Stefano Serafini, tromba

Guglielmo Pagnozzi, clarinetto

Federico Tassani, trombone

Luciano Corcelli,banjo, chitarra

Gianfranco Verdini, basso tuba

Massimo Ferri, batteria

 

MONDAINO YOUNG ORCHESTRA (MYO)

Michele Chiaretti (direttore)

Federico Rossi, Enrico Borra (tromba)

Matteo Sanchini (trombone)

Enrico Uguccioni, Lorenzo Carletti, Anna Bruscoli (sax soprano)

Chiara Nicolini, Beatrice Casadei (clarinetto)

Giacomo Vignali (pianoforte)  

Giacomo Lampis (banjo)

Pierfrancesco Grelli (contrabbasso)

Igor Tasini (batteria)

Lucia Bertozzi (voce)

 

 

29 Settembre:

PAOLO ALDERIGHI presenta “OMAGGIO A TEDDY WILSON“ nel centenario della nascita

Paolo Alderighi, pianoforte

Roberto Piccolo, contrabbasso

Nicola Stranieri, batteria

Special guest  Alfredo Ferrario, clarinetto

Special guest  Engelbert Wrobel, clarinetto, sax tenore, sax soprano (Germania)

Special guest  Marco Bianchi, vibrafono

 

 

30 Settembre:

La MILANO JAZZ GANG (Italia)

Claudio Perelli, cornetta, sax alto, soprano, clarinetto, voce, arrangiamenti

Andres Villani, sax baritono, sax alto, flauto

Mauro Porro, pianoforte,tromba, clarinetto, “C Melody Sax”, sax tenore

Luca Sirianni, banjo tenore, banjo plectrum

Claudio Nisi, ”Front Bell” Tuba

 

 

Ingresso a pagamento:

biglietto singolo concerto: euro 10  -  abbonamento alle tre serate: euro 20

Info:   Ass.ne Culturale Riminese Amici del Jazz- Dir. Art. Rino Amore

            tel. 0541/51011 – 52206  Fax 0541/387833

 

 

LA SCOMPARSA DI JOE MURANYI
Abbiamo appreso da poco la notizia della scomparsa del clarinettista Joe Muranyi.
Joe Muranyi, che era nato il 14 Gennaio 1928, è mancato per un attacco di cuore il 20 Aprile 2012 all'età di 84 anni.
Iniziò i suoi studi a New York con Lennie Tristano ma successivamente, negli anni '50, si dedicò al jazz tradizionale suonando con la "Red Onions Jazz Band", con Eddie Condon, Jimmy McPartland, Max Kaminsky, Yank Lawson e Bobby Hackett. Nel 1963 entra a far parte dei "Village Stompers" e incide il brano "Washington Square" che diventa un best seller internazionale. Dal 1976 al 1971 suona con gli All Stars di Louis Armstrong e successivamente con Wild Bill Davison, Roy Eldridge, Lionel Hampton e la World's Greatest Jazz Band.

Per il video di Joe Muranyi clicca qui.

 

 

 

LA SCOMPARSA DI LUCIO CAPOBIANCO
In questi giorni ci ha lasciato anche il valoroso trombonista genovese Lucio Capobianco.
Lucio, che era nato a Genova nel 1931, nel 1954 nella sua città aveva fondato la "Riverside Syncopators Jazz Band" e nel 1970 il gruppo "Genova Dixieland All Stars".
Per anni inoltre militò nel gruppo romano di Carlo Loffredo e prese parte alla prima formazione televisiva della "Portobello Jazz Band" con Lino Patruno alla fine degli anni '70. Sempre negli anni '70 con Patruno prese parte alle incisioni effettuate con Bud Freeman e Oscar Klein considerate le uniche incisioni italiane di scuola "Chicago Style".

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI BRUNO CASTRACUCCHI

Ci ha lasciato in questi giorni il clarinettista e sopranista Bruno Castracucchi che negli ultimi anni aveva avuto problemi di salute.
Bruno da anni sulla breccia aveva suonato con la jazz band di Carlo Loffredo per decenni. Lino Patruno lo aveva spesso invitato a suonare sia in concerto (ricordiamo il Premio Fellini al Palazzo dei Congressi di Roma), sia per la Televisione Svizzera accanto a Oscar Klein e a Dick Wellstood.
Dotato di una forte carica di simpatia era benvoluto da tutti i musicisti che lo conoscevano e che ne ammiravano lo stile vicino a Sidney Bechet e ai clarinettisti creoli di New Orleans.

 

 

 

PEP INZAGHI, FONDATORE E LEADER DELLA “TICINUM JAZZ BAND”, UNA TRA LE PIU' LONGEVE FORMAZIONE ITALIANA DI JAZZ CLASSICO, SI E’ SPENTO DOPO UNA LUNGA ED INESORABILE MALATTIA. PEP INZAGHI ERA PASSATO DAL CLARINETTO AL BASSO TUBA CIRCA 30 ANNI FA E SI OCCUPAVA CON SUCCESSO DELLA DIREZIONE DI MILANO HOT JAZZ ORCHESTRA E DELLA TICINUM JAZZ BAND. CON IL SUO INCONFONDIBILE STRUMENTO MUSICALE, HA SEMPRE CARATTERIZZATO LA PARTECIPAZIONE DELLE BAND DA LUI FONDATE O DIRETTE OLTRE VENT’ANNI FA A TUTTI I PRINCIPALI FESTIVAL DEL JAZZ IN ITALIA E IN EUROPA, DOVE LA “TICINUM J.B.” HA RAPPRESENTATO IL JAZZ ITALIANO IN MOLTISSIME OCCASIONI, ULTIMA DELLE QUALI IL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL JAZZ DI DRESDA NEL GIUGNO 2011. ALLA GUIDA DELLA MILANO HOT JAZZ ORCHESTRA, PEP INZAGHI SI E' ESIBITO IN MOLTI PAESI DEL MONDO TRA CUI: STATI UNITI, FINLANDIA, DANIMARCA, NORVEGIA, REGNO UNITO, GERMANIA, SPAGNA, FRANCIA, OLANDA, BELGIO, SVIZZERA ED ITALIA.

 

 

IL FUNERALE DI ROBERTO BACCIOCCHI
Si è tenuto la mattina di Mercoledì 13 Giugno al Cimitero Maggiore di Milano il funerale di Roberto Bacciocchi mancato, dopo una lunga e travagliata malattia, Sabato 9.
Al funerale hanno partecipato numerosi musicisti milanesi che alla maniera di New Orleans hanno suonato gli spirituals cari a Roberto e alla sua "Olympia Ragtime Band".

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI ROBERTO BACCIOCCHI
E' scomparso a Milano il 9 Giugno, dopo una lunga malattia, Roberto Bacciocchi, trombettista e leader della "Olympia Ragtime Band" di Milano.
Attivissimo da decenni Roberto era anche l'anima del "Doria Jazz Club" di Milano dove negli ultimi anni ha organizzato decine di concerti e invitato centinaia di solisti.
Dotato di una grandissima carica di simpatia e di umanità ci mancherà moltissimo e lascerà un vuoto incolmabile nel panorama del jazz tradizionale meneghino. Alla sua compagna Iris vanno le più sincere condoglianze da parte della Redazione di "Jazz Me Blues".
Per il video di Roberto Baciocchi e la "Olympia Ragtime Band" clicca qui: http://www.youtube.com/watch?v=7mctW2CP5h4

 

 

 

Si è inaugurato Martedi 26 maggio a Milano un nuovo club dedicato al jazz classico.
Si tratta del PANTA REI sito in Viale Pasubio 14.
La Home Band è la PANTA REI SWING BAND con Vittorio Castelli e Gino Valdegrani.
Il Panta Rei si trova nelle vicinanze di Porta Garibaldi nel centro della Movida Milanese e settimanalmente la Home Band riproporrà i brani classici dello stile New Orleans, del Dixieland e dello Swing.

 

 

 

E' appena stato pubblicato il Cd "I'm Coming Virginia" realizzato dalla Sifare che vede in azione il gruppo "The Bix Era" con Lino Patruno special guest alla chitarra. Si tratta di un progetto dedicato al leggendario Bix Beiderbecke di cui ricordiamo il film realizzato nel 1990 da Pupi Avati con la collaborazione di Lino Patruno e di Bob Wilber. Per l'occasione Lino ha scritto 3 originali dei quali uno è dedicato all'amico Wilber. Fra i solisti Carlo Capobianchi alla tromba, Remo Izzi al sax alto e soprano e Paolo Bernardi al pianoforte.
Coloro che ne fossero interessati possono scrivere al nostro indirizzo E-mail.

 

 

 

 

 

IL LIBRO DEL FESTIVAL DEL JAZZ DI RIMINI
E' stato pubblicato, a cura dell'Associazione Culturale Riminese "Amici del Jazz", un volume rievocativo dei 10 anni del Festival del Jazz Tradizionale di Rimini corredato da tutti i programmi, le locandine, le presentazioni, le foto e gli articoli riguardanti tutti i musicisti che hanno fatto parte dei gruppi che hanno preso parte a questo fantastico festival che, al contrario di tutti gli altri festival di "giaaas" all'italiana, ci rappresenta degnamente.
Il libro di 160 pagine potrà essere richiesto scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: riminidixieland@libero.it
Un applauso a Rino Amore, al suo entusiasmo, al suo infaticabile lavoro e ai suoi fantastici collaboratori.
Conservare questo libro è un bellissimo ricordo per coloro che vi hanno preso parte o ne sono stati semplici ed entusiasti spettatori.
I migliori auguri da parte della redazione di Jazz Me Blues.

 

 

 

LA SCOMPARSA DI LUCIO DALLA
Il 4 Marzo Lucio Dalla avrebbe compiuto 69 anni. Il noto musicista è stato colpito da infarto a Montreux in Svizzera dove si era recato per un giro di concerti. Nella foto è con Lino Patruno e Gianni Sanjust in occasione della serata dedicata a Pupi Avati al Teatro Sistina di Roma il 6 Dicembre 2010.
Lucio aveva cominciato la sua carriera nei primi anni '60 come clarinettista della Rheno Dixieland Gang al fianco di Pupi Avati e saltuariamente della Seconda Roman New Orleans Jazz Band e, anche se occupato quasi a tempo pieno con i suoi progetti e le sue canzoni, non aveva mai smesso di suonare il jazz con il suo clarinetto. Lo ricordiamo anche in alcuni concerti tenuti assieme al grande trombettista Nunzio Rotondo scomparso anche lui qualche anno fa.

Per il video di Lucio Dalla clicca qui.

 

 

 

 

 

ALFREDO ESPINOZA JAZZMAN
E' stato pubblicato di recente il libro del trombonista Duccio Castelli "Alfredo Espinoza Jazzman" edito da Delta Editrice.
Duccio, amico da decenni di Alfredo Espinoza, ha voluto rendergli omaggio con questo bellissimo volume nel quale è anche inserito un CD comprendente un magnifico concerto del grande sassofonista cileno registrato dal vivo a Santiago nel 2002. Visto che il volume è fuori commercio, chi ne fosse interessato, può rivolgersi direttamente a Duccio Castelli scrivendo a: dcastelli@enter.it

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI LOUISIANA RED
E' scomparso all'età di 79 anni ad Hannover, in Germania, il bluesman Iverson Minter meglio noto come Louisiana Red.
Il celebre bluesman, che era nato a Bessemer in Alabama, era venuto spesso in Italia e da decenni era ospite fisso a Roma al Big Mama.

 

 

 

 

 

TICINUM JAZZ BAND

A MILANO OGNI DOMENICA SERA ALL'ITTOLITTOS LA TICINUM JAZZ BAND SI ESIBISCE ALLE ORE 22

 

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI GIAMPIERO COMPARE
E' mancato in questi giorni il clarinettista milanese Giampiero Compare, uno dei pionieri del jazz tradizionale italiano degli anni '50.
Giampiero aveva suonato fin dagli anni '50 nella Original Lambro Jazz Band, nella Milan College Jazz Society, nella Riverside Jazz Band e nella Milano Jazz Gang. Il suo stile asciutto e personale ne aveva fatto una figura di rilievo e di grande spessore artistico nel panorama del jazz classico meneghino.

 

 

 

 

 

LINO PATRUNO ALLA GMMY RADIO NEWS DI LOS ANGELES

La Gmmy Radio News di Los Angeles ha trasmesso un programma di un'ora su Lino Patruno. Per leggere le recensioni sulla trasmissione radiofonica clicca qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

THE GRAMOPHONE AL SAPORSAPIENS

Venerdì 24 febbraio Alberico Di Meo e Francesca Ciommei, alias "The Gramophone", si esibiranno a Roma al SaporSapiens in via Mocenigo, 4.

Questo duo, nato dall'incontro fra la jazz vocalist romana ed un maestro del jazz classico, dà vita ad un sound particolarmente completo ed articolato. In concerto saranno eseguiti i brani più significativi della musica americana dagli anni Venti agli anni Quaranta. Gli arrangiamenti e le sonorità evidenziano il grande amore ed il rispetto per questa musica e per lo spirito dell'epoca.

 

 

 

 

Il Giornale di Vicenza ha pubblicato un interessante articolo sulla vicenda umana ed artistica del grande musicista austriaco Oscar Klein. Per leggere l'articolo clicca qui.

 

 

 

 

 

 

Ogni lunedi alle ore 22 a Roma all'Alexanderplatz in via Ostia 9, si esibisce il Lino Patruno Jazz Show di cui fanno parte Michael Supnick (cornetta, voce), Carlo Ficini (trombone, voce), Gianni Sanjust (clarinetto), Silvia Manco (pianoforte, voce), Guido Giacomini (contrabbasso) e Riccardo Colasante (batteria) oltre allo stesso Patruno al banjo.
In occasione del Festival Manouche, il lunedì 13 Febbraio viene sostituito dal martedì 14 Febbraio in cui Lino Patruno si esibirà con i suoi "Blue Five" nello spettacolo "Venuti, Lang, Django e Grappelli" di cui fanno parte Mauro Carpi (violino), Michele Ariodante (chitarra), Michael Supnick (tromba e trombone), Guido Giacomini (contrabbasso) e Clive Riche (voce) oltre a Lino Patruno alla chitarra.

 

 

Da Domenica 5 Febbraio 2012 per otto domeniche consecutive fino al 25 Marzo, a Roma alla Casa del Jazz in viale di Porta Ardeatina 55, alle ore 12, Lino Patruno presenta un nuovo ciclo di lezioni dal titolo "I Grandi Temi della Storia del Jazz" con la partecipazione della pianista e vocalist Silvia Manco. Ingresso 5 Euro.

 

 

 

 

 

 

 

Vogliamo segnalarvi l'uscita della pubblicazione de "Il Jazz questo sconosciuto conosciuto" di Enrico De Carli dedicata al jazz tradizionale.

www.leggereleggereonline.wordpress.com
Per poterla acquistare:

Parte prima: dalle origini a King Oliver

http://www.ultimabooks.it/il-jazz-questo-sconosciuto-conosciuto
Parte seconda: da Armstrong a Bessie Smith

http://www.ultimabooks.it/il-jazz-questo-sconosciuto-conosciuto-seconda-parte

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI BOB BROOKMAYER
E' mancato il 16 Dicembre all'età di 81 anni il trombonista Bob Brookmayer. Brookmayer, che era nato a Kansas City nel 1929, oltre al trombone a pistoni, suonava il pianoforte (lo ricordiamo assieme a Mel Lewis) ed era un valente arrangiatore.
Ricordiamo le sue collaborazioni con Clark Terry, Stan Getz, Chet Baker e Gerry Mulligan che restano nella storia del jazz.

Per il video di Bob Brookmayer con Gerry Mulligan clicca qui.

 

 

 

 

 

 

DUE NUOVI CD's DI LINO PATRUNO CON BRANI INEDITI
Sono appena stati pubblicati 2 CD di Lino Patruno con incisioni inedite provenienti da trasmissioni televisive di jazz degli anni '70 e '80. Il complesso "di casa" è la Milan College Jazz Society che ospita grandi solisti statunitensi come il trombettista Yank Lawson, il trombonista George Masso, i clarinettisti Kenny Davern e Peanuts Hucko, il clarinettista e sassofonista Bob Wilber, il pianista Ralph Sutton, il contrabbassista Bob Haggart. JAZZ DOC d'annata!

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI ANTONELLO CRESCENZI
In seguito a una emorragia cerebrale è mancato il 2 Dicembre il pianista Antonello Crescenzi. Direttore artistico del Festival di Ciampino e insegnante della scuola di musica della sua città lascia un vuoto incolmabile presso i suoi allievi e i suoi amici musicisti.

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI DANIELA D'ERCOLE
E' mancata alcuni giorni fa a New York all'età di 32 anni la vocalist barese Daniela D'Ercole, vittima di un incidente stradale. Daniela, che cantava a New York in un jazz club, mentre stava attraversando a piedi la Broadway, è stata investita da un' auto che sopraggiungeva a forte velocità.
Il destino ha cancellato la sua vita proprio nella strada cara a tutti gli artisti, la Broadway, che è anche il titolo di un brano che Daniela cantava nelle sue performances compreso il commento musicale all'apertura del suo sito web che potrete vedere cliccando:

http://www.danieladercole.com/
Clicca il link per il video di Daniela che incontrò Franco Cerri ad Andria:
http://www.youtube.com/watch?v=rOV5IqKZwfY

 

 

 

 

IL QUARTETTO DI LINO PATRUNO A BARI
Il quartetto di Lino Patruno si esibirà a Bari al Motor Show nei giorni 2, 3 e 4 Novembre in occasione del Mediterranean Jazz Festival.
Fanno parte del quartetto, oltre a Patruno alla chitarra acustica e al banjo, Vincenzo Barbato alla chitarra elettrica, Attilio Troiano (clarinetto, sax, trombone e voce) e Giuseppe Bassi (contrabbasso).

 

 

 

 

 

UN INTERESSANTISSIMO DOCUMENTARIO SU LOUIS ARMSTRONG IN ITALIA IN DUE PARTI.

Parte 1a
http://www.youtube.com/watch?v=hjHMou2SPvY

Parte 2a
http://www.youtube.com/watch?v=OsHChrui00w

 

 

 

 

 

 

 

ROMA - Viale di Porta Ardeatina, 55

Da Domenica 6 Novembre alla Casa del Jazz alle ore 12 Lino Patruno inizierà un nuovo ciclo di lezioni dedicate agli strumenti nel jazz classico.
Lo affiancherà la pianista e vocalist Silvia Manco.

Questo è l'elenco con le date delle lezioni:
Domenica 6 Novembre - 1a lezione: la tromba - Ospite Michael Supnick
Domenica 13 Novembre - 2a lezione: il trombone - Ospite Carlo Ficini
Domenica 20 Nomembre - 3a lezione: il clarinetto - Ospite Gianni Sanjust
Domenica 27 Novembre - 4a lezione: il sax - Ospite Luca Velotti
Domenica 4 Dicembre - 5a lezione: il pianoforte - Ospite Luca Fìlastro
Domenica 11 Dicembre - 6a lezione: gli strumenti a corde - Ospite Guido Giacomini
Domenica 18 Dicembre - 7a lezione: la voce - Ospite Clive Riche

 

 

LA SCOMPARSA FRANK DRIGGS
Il 20 Settembre è mancato per cause naturali all'età di 81 anni il noto collezionista e produttore discografico statunitense Frank Driggs.
La sua collezione vantava ben 100.000 dischi, fotografie, registrazioni, documenti e cimeli jazzistici di grande valore storico.
Assieme ad Harris Levine scrisse alcuni libri sul jazz di grande interesse: "A Pictorial History of Classic Jazz (1920-1950)" e "Kansas City Jazz: From Ragtime to Be Bop: A History".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

REPUBBLICA DI SAN MARINO
LINO PATRUNO presenta:
“JAZZ INCONTRO ALLA GENTE 2”

(Nona Edizione)

24/27 Agosto 2011

Teatro Titano, piazza Sant'Agata ore 21

 

Mercoledì 24 Agosto

MINNIE MINOPRIO & The BLACK AND WHITE CHARLESTON BAND

Special Guests: MICHAEL SUPNICK (USA) & BRUNO LONGHI

Minnie Minoprio (voce)
Gianluca Galvani (cornetta)
Michael Supnick (trombone)

Bruno Longhi (clarinetto)
Paolo Alderighi (piano)
Vincenzo Barbato (chitarra)
Guido Giacomini (contrabbasso)
Stefano Corrias (batteria)

 

Giovedì 25 Agosto

LUCA FILASTRO PIANO SOLO

 

OLD CIRCUS JAZZ BAND

con la partecipazione di FRANCO NERO (Testi di Blues)

Carlo Capobianchi e Francesco Catania (trombe)
Luigino Leonardi (trombone)

Ennio D'Alessandro (C melody sax, clarinetto)

Silvano Funghi (sax tenore, soprano, voce)
Remo Izzi (sax alto, soprano, arrangiamenti)
Cinzia Gizzi (pianoforte)
Norberto Izzi (banjo)
Pierluigi Ausili (basso tuba)
Paolo Margutta (batteria)

 

Venerdì 26 Agosto

LAURA FEDELE presenta il suo nuovo CD “FREE TO BE JAZZ”
 

LINO PATRUNO JAZZ SHOW

Special Guests: PATRICK ARTERO (Francia), CLIVE RICHE (England),

MAURO CARPI (violino e viola Capicchioni)

Patrick Artero (tromba)

Luciano Invernizzi (trombone)

Claudio Perelli (clarinetto, sax)

Carlo Bagnoli (sax soprano e baritono)

Laura Fedele (pianoforte, voce)

Lino Patruno (banjo)

Guido Giacomini (contrabbasso)

Walter Ganda (batteria)

Mauro Carpi (violino, viola)

Clive Riche (voce)

 

Sabato 27 Agosto

NOSSA ALMA CANTA

Special Guest: ROBERTINHO DE PAULA (Brasile)

Rosa Bittolo Bon (voce)
Renato Greco (chitarra classica)

Robertinho De Paula (chitarra jazz)
Bebo Baldan (basso)
Luca Bortoluzzi (batteria e pandeiro)

 

GUIDO PISTOCCHI & HIS DIXIELAND JAZZ BAND

Special Guests: GIANNI SANJUST & CARLO BAGNOLI

Guido Pistocchi (tromba, voce)

Checco Coniglio (trombone)

Gianni Sanjust (clarinetto)

Carlo Bagnoli (sax baritono e soprano)

Annibale Modoni (pianoforte)

Paolo Ghetti (contrabbasso)

Luca Nanni (batteria)

 

 

 

 

 

UNA RARISSIMA FOTOGRAFIA RITROVATA

La famiglia Carmichael nel 1905. Georgia era la sorella piccola di Hoagy e non lo stato della Georgia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ROMA - Lunedì 11 Luglio alle ore 22

LINO PATRUNO JAZZ SHOW

con

Michael Supnick (cornetta, voce) USA

Carlo Ficini (trombone, voce)

Gianni Sanjust (clarinetto)

Adriano Urso (pianoforte)

Lino Patruno (chitarra)

Guido Gacomini (contrabbasso)

Riccardo Colasante (batteria)

Ingresso 10 Euro

Per il video di Lino Patruno clicca qui.

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI RICCARDO DI BLASI
Ci ha lasciato all'età di 53 anni il regista Riccardo Di Blasi a lungo al fianco di Renzo Arbore e degli amici del jazz che nel corso degli anni sono stati diretti televisivamente da lui. A Riccardo si deve la regia del documentario "Palermo-New Orleans e... fu subito jazz" prodotto da Renzo Arbore con la partecipazione di Lino Patruno, Jimmy La Rocca (figlio di Nick), Claudio Lo Cascio e Giuseppe Gruppuso, presidente del Centro Studi "Nick La Rocca" di Salaparuta (paese di origine di Girolamo La Rocca, padre di Nick).
Alla sua famiglia e a tutti i suoi amici vanno le condoglianze della Redazione di "Jazz Me Blues".
La prossima edizione del Festival organizzato dal Centro Studi "Nick La Rocca" che si terrà a Trapani il 18 e 19 di Luglio sarà a lui dedicata.

 

 

 

JAZZ BAND IN DVD!

E' uscito un cofanetto contenente 3 DVD dello sceneggiato RAI diretto da Pupi Avati "Jazz Band" del 1978 che ebbe uno straordinario successo soprattutto nel pubblico giovanile. Fra gli interpreti (tantissimi) ricordiamo Lino Capolicchio, Carlo Delle Piane, Gianni Cavina, Adriana Innocenti, Maria Grazia Bon, Pietro Brambilla... Fra i musicisti che presero parte alla colonna sonora Henghel Gualdi (anche autore della sigla), Gianni Sanjust, Marcello Rosa, Nardo Giardina, Checco Coniglio... Il prezzo è di € 21,90.

 

 

 

 

 

VENERE E IL PROFESSORE FINALMENTE IN DVD
E' uscito nei negozi in DVD il delizioso film "Venere e il professore" diretto nel 1947 da Howard Hawks con Danny Kaye, Virginia Mayo, Benny Goodman, Louis Armstrong, Tommy Dorsey, Mel Powell, Charlie Barnet, Lionel Hampton, Louie Bellson... Una ventata di freschezza e di buon gusto nello squallido, grigio, inutile e allucinante panorama musicale odierno.
Il costo di € 8,90 è veramente accessibile.

 

 

 

 

 

 

IL BLUES SI RACCONTA

Si è tenuto al Teatro Regio di Parma il 31 Maggio lo spettacolo "Il blues si racconta" con la partecipazione di Vanessa Redgrave, Franco Nero, il Jazz Show di Lino Patruno e Andrea Mingardi. Lo spettacolo, che ha fatto il tutto esaurito, ha raccontato l'epopea del blues i cui testi, tradotti in italiano, sono stati recitati dai due grandi attori. Completavano il Jazz Show di Lino Patruno: Laura Fedele (pianoforte, voce), Fabrizio Cattaneo (tromba), Luciano Invernizzi (trombone), Alfredo Ferrario (clarinetto), Aldo Zunino (contrabbasso), Walter Ganda (batteria).

 

 

 

 

 

UNA RARISSIMA FOTO RITROVATA DI JIMMY DURANTE DEL 1917
Il celebre attore Jimmy Durante è stato sicuramente il primo pianista bianco della storia del Jazz. In questa foto lo vediamo al pianoforte alla testa della sua "Jimmy Durante's Jass Band" nel 1917 all'Alamo Club di New York. Da sinistra a destra: Johnny Stein (il rivale di Nick La Rocca) alla batteria, Frank Lhotak al trombone, Frank Christian alla cornetta e Achille Baquet al clarinetto. La formazione ha lo stesso organico della "Original Dixieland Jass Band" che in quello stesso anno incise i primi dischi della storia del jazz. Jimmy Durante incise i suoi primi dischi nel 1918 con la "Original New Orleans Jazz Band" che non era altri che la sua jazz band con un paio di sostituzioni.

 

 

LA SCOMPARSA DI ENZO GRILLINI
Di recente ha perso la vita cadendo accidentalmente dalla finestra della sua casa romana al 3° piano, il chitarrista bolognese Enzo Grillini che iniziò la sua attività negli anni '40 in seno al Quintetto del Guf, nella 013 e nei sette della 013 sotto la direzione di Piero Piccioni.
Nel 1960 realizzò un LP accompagnando la vocalist Helen Merrill assieme a Ninì Rosso, Gino Marinacci e Piero Umiliani.
Sempre negli anni '60 registrò alcuni brani con il violinista Tino Fornai e il contrabbassista Carlo Loffredo per la raccolta curata da Adriano Mazzoletti e con la supervisione di Lino Patruno "40 anni di jazz in Italia"per la Dischi Ricordi.
Purtroppo non sono reperibili i suoi dischi che potrebbero mostrare il suo stile elegante, raffinato e musicalmente di alto livello.

 

 

LINO PATRUNO A NEW ORLEANS

Dal 3 all'8 di Maggio Lino Patruno è stato invitato a rappresentare l'Italia al Jazz Festival & Heritage di New Orleans e ha riscosso un grande successo soprattutto per quanto riguarda i due solisti italiani, Fabrizio Cattaneo alla tromba e Mauro Carpi al violino. In occasione del Festival è stato anche proiettato il film "Forever Blues" di Franco Nero che si è valso di Lino Patruno per la realizzazione della colonna sonora. Ricordiamo gli altri solisti statunitensi che hanno fatto parte del gruppo di Patruno: Craig Klein (trombone, voce), Tom Hook (piano, voce), Chris Sharkey (contrabbasso), David Hansen (batteria).

Per il video di "Forever Blues" clicca qui.

 

 

 

Puoi acquistare iTunes di Lino Patruno distribuiti dalla Sifare dei sottostanti CD:

       

     

e, inoltre, dai seguenti CD della Duck Records:

     

 

 

 

LINO PATRUNO E FRANCO NERO A NEW ORLEANS
Lino Patruno è stato ufficialmente invitato a prender parte al "Jazz & Heritage Festival" che si terrà a New Orleans dall'ultima settimana di Aprile alla prima settimana di Maggio 2011. Nel corso del Festival, inoltre, Franco Nero presenterà il suo film "Forever Blues" per il quale Lino Patruno ha scritto la colonna sonora per la quale ha ricevuto la Nomination al David di Donatello, il Golden Globe della stampa estera e il Premio Fregene per Fellini.
Lino Patruno è il terzo musicista italiano ad essere invitato al festival di New Orleans; il primo, nel 1976/77, fu Giorgio Gaslini, il secondo, qualche anno fa, Francesco Cafiso su invito di Wynton Marsalis.
La performance di Lino Patruno è prevista per il giorno 5 di Maggio e la formazione è la seguente: LINO PATRUNO "FOREVER BLUES" FROM ITALY Lino Patruno (chitarra), Fabrizio Cattaneo (tromba), Mauro Carpi (violino), Craig Klein (trombone), Tom Hook (piano), Chris Sharkey (contrabbasso), David Hansen (batteria).

Per il video di "Forever Blues" clicca sulla foto della copertina del DVD.

 

 

IL SESTO COMPLEANNO DELLA CASA DEL JAZZ
La Casa del Jazz di Roma festeggerà il suo sesto compleanno Domenica 17 Aprile. L'ingresso è libero e gli appassionati della nostra musica alle ore 15 potranno ascoltare il Jazz Show di Lino Patruno con Michael Supnick (cornetta), Carlo Ficini (trombone), Gianni Sanjust (clarinetto), Giorgio Cuscito (sax tenore), Adriano Urso (pianoforte), Lino Patruno (chitarra), Guido Giacomini (contrabbasso), Riccardo Colasante (batteria),  Elena Paoletti (voce).
Per il video del Jazz Show clicca qui.

 

 

Lino Patruno da Domenica 3 Aprile alle ore 12 riprende le sue lezioni dedicate alla Storia del Jazz dal titolo "APPUNTI DI JAZZ".
La seconda lezione sarà tenuta Domenica 10 Aprile dopodiché, a causa delle feste e del viaggio di Patruno al Festival di New Orleans, le lezioni vengono riprese nei giorni 15, 22 e 29 maggio e 6 di Giugno.
Per il video di Bessie Smith che viene proiettato in una delle prime lezioni clicca qui.
http://www.youtube.com/watch?v=8Who6fTHJ34

 

 

 

Si è tenuto Lunedì 21 Marzo al Teatro Dal Verme di Milano un grande spettacolo di Jazz Classico dal titolo "Jazz Broadway" che ha visto la partecipazione di Lino Patruno, della Big Band di Paolo Tomelleri alla quale ha aggiunto una sezione di archi, Tullio De Piscopo, Rossano Sportiello, Paolo Alderighi e Fabrizio Bosso.
Grazie al suo organizzatore Giorgio Rossi (figlio di Carlo Alberto), il teatro ha visto la presenza di 1200 persone che hanno tributato agli artisti applausi a non finire. Non si può certo dire lo stesso degli innumerevoli noiosi concerti di jazz contemporaneo che vanno molto di moda ma che dopo alcuni brani costringono buona parte del pubblico a uscire di sala.

Per il video di Rossano Sportiello e Paolo Alderighi clicca qui.

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI JOE MORELLO
Il 12 Marzo a Irvington (New Jersey) è scomparso all'età di 82 anni il batterista Joe Morello celebre per aver fatto parte per decenni del quartetto di Dave Brubeck.
Joe Morello, che era nato a Springfield nel Massachusset il 17 Luglio 1928, aveva iniziato lo studio del violino a 6 anni e aveva debuttato in palcoscenico a 9 anni suonando il Concerto per Violino e Orchestra di Felix Mendelssohn con la Boston Symphony Orchestra all'età di 9 anni.
All'età di 15 anni abbandonò il violino per lo studio della batteria divenendo in pochi anni uno dei migliori batteristi bianchi del panorama jazzistico statunitense.

Per il video di Joe Morello clicca qui.

 

 

 

In occasione del suo nuovo film "Ladri di cadaveri" il regista John Landis a Roma ha incontrato Lino Patruno.
Vorremmo ricordare che John Landis nel 1980 diresse "The Blues Brothers" a cui presero parte alcuni grandi nomi della musica americana come Cab Calloway, Ray Charles, John Lee Hooker....

Questo è il link del video di Cab Calloway che interpreta Minnie the Moocher negli anni '40.
http://www.youtube.com/watch?v=bWsz08ogSFU&feature=related

 

 

 

LA SCOMPARSA DI GEORGE SHEARING
E' scomparso all'età di 91 anni il grande pianista anglo-americano George Shearing, uno degli ultimi grandi protagonisti della storia del jazz.
Shearing, che era nato a Batterstea (Londra) il 13 Agosto del 1919, è morto colpito da infarto il 14 Febbraio 2011 a New York City.
Compose ben 300 brani tra gli anni '50 e gli anni '90. Nel 1947 si trasferì a New York dove incise la maggior parte dei suoi straordinari dischi spesso nelle classifiche di quelli maggiormente venduti. La sua composizione più famosa è stata "Lulluby of Birdland", il suo più grande successo "September in the Rain".
Per il video di George Shearing: http://www.youtube.com/watch?v=tyS1FsUV__8

 

 

 

UN CD DI SINATRA ALLEGATO A MUSICA JAZZ!!!!????
Cari amici che è successo? La rivista "Musica Jazz" nel numero di Febbraio 2011 ha inserito un CD di Frank Sinatra con alcuni grandi nomi del jazz del passato: Louis Armstrong, Oscar Peterson, Ella Fitzgerald, Nat King Cole, Tommy Dorsey, Billy May, Coleman Hawkins. Red Norvo, Bud Shank, Harry Edison, Johnny Hodges, Nelson Riddle... (tutti nomi da decenni scomparsi dalla rivista e che le nuone generazioni non hanno mai neanche sentito nominare). Inoltre nelle pagine centrali c'è un inserto di ben 12 pagine dedicato a "the voice". Che ci stiano ripensando e vogliano riconciliarsi con la melodia (severamente bandita dalle nuove leve)?
Speriamo che sia l'inizio di una nuova era altrimenti sarà dura insistere su personaggi le cui performances concorrono nel conquistare continuamente l' Oscar della noia.

 

 

CONCERTO DI LINO PATRUNO A ROMA ALL'AUDITORIUM
Martedì 18 Gennaio a Roma all'Auditorium "Parco della Musica" si è tenuto un concerto del Jazz Show di Lino Patruno organizzato dalla "Casa della Mamma".
Al concerto come ospiti sono intervenuti anche Gigi Proietti e Renzo Arbore.
Per poter vedere il concerto diviso in 7 parti basta cliccare qui e avanzare progressivamente nella numerazione.
 

 

 

 

 

JAZZIT AWARD 2010 & CO
La Redazione e i lettori della rivista Jazzit nel selezionare il miglior jazz dell'anno quest'anno hanno premiato anche alcuni musicisti della nostra musica.
Per la sezione "Altri Strumenti" Lino Patruno (banjo) si è classificato al primo posto con 327 voti.
Per la sezione" Vibrafono" Giorgio Cuscito si è classificato al primo posto con 229 voti.
Per la sezione "Contrabbasso" Giorgio Rosciglione si è classificato al primo posto con 275 voti.
Per la sezione "Clarinetto" Luca Velotti si è classificato al terzo posto con 157 voti.
Per la sezione "Sax Baritono" Red Pellini si è classificato al secondo posto con 248 voti.

Pochi riconoscimenti rispetto ad alcuni grandi solisti italiani che non solo non si sono neanche piazzati ma non sono neanche stati nominati. Ci riferiamo a Rossano Sportiello, Paolo Alderighi, Adriano Urso, Guido Giacomini, Fabrizio Cattaneo, Gianni Sanjust, Claudio Perelli, Luciano Invernizzi, Alberto Collatina, Riccardo Colasante, Walter Ganda, Aldo Zunino, Gianluca Galvani, Michael Supnick (statunitense ma in Italia da oltre due decenni), Mauro Carpi, Bruno Longhi, Marcello Noia, Laura Fedele, Elena Paoletti, Silvia Manco, Clive Riche (inglese ma in Italia da 20 anni), Checco Coniglio, Carlo Bagnoli, Paolo Tomelleri, Ettore Zeppegno, Minnie Minoprio (anche lei inglese ma in Italia da sempre), Guido Pistocchi, Attilio Troiano, Michele Ariodante, Umberto Viggiano, Nino Calcagno, Luciano Milanese, Stefano Corrias, Bepi D'Amato, Nando De Luca, Massimo Morroni, Marcello Rosa, Nino Frasio, Carlo Loffredo, Remo Izzi, Gennaro D'Apote, Giancarlo Colangelo, Renato Musillo, Pucci Scarpato, Vittorio Sicbaldi, Vincenzo Barbato, Marilia Vesco, Michele Pavese, Sebastiano Forti, Sergio Piccarozzi, Pino Pichierri, Mauro Porro, Alberico di Meo...

Per il video di Lino Patruno clicca qui.
Per il video di Giorgio Cuscito clicca qui.
Per il video di Giorgio Rosciglione clicca qui.

 

 

LINO PATRUNO RITORNA ALL'ALEXANDERPLATZ
Lino Patruno dopo 10 anni ritorna all'Alexanderplatz di Roma in via Ostia, 9 tutti i lunedì alle ore 21,30 a partire da lunedì 10 Gennaio 2011, con il suo jazz Show di cui fanno parte: Michael Supnick (cornetta), Carlo Ficini (trombone), Gianni Sanjust (clarinetto), Silvia Manco (piano, voce), Guido Giacomini (contrabbasso), Riccardo Colasante (batteria), logicamente oltre a Patruno al banjo.

 

 

 

"CHRISTMAS IN JAZZ AND HAPPY NEW YEAR" CON LINO PATRUNO ALL'AUDITORIUM "PARCO DELLA MUSICA" DI ROMA.
Martedì 18 Gennaio alle ore 21 alla sala Sinopoli dell'Auditorium "Parco della Musica" di Roma, Lino Patruno terrà un concerto di Jazz con il suo Jazz Show di cui fanno parte: Michael Supnick (cornetta), Carlo Ficini (trombone), Gianni Sanjust (clarinetto), Giancarlo Colangelo (sax basso), Adriano Urso (pianoforte), Guido Giacomini (contrabbasso), Riccardo Colasante (batteria), Mauro Carpi (violino), Clive Riche (voce) oltre allo stesso Patruno al banjo. Ospite di eccezione Gigi Proietti che presenterà la figlia Carlotta che di recente ha avuto un grande successo nello spettacolo "Il caso Majorana" di Claudio Pallottini al Teatro Vittoria.
Coloro che fossero interessati possono rivolgersi per maggiori informazioni alla Associazione "Casa della Mamma" ai seguenti numeri: (06) 44231210/18 - 347.1297876.

Per vedere il video di Lino Patruno clicca qui: http://www.youtube.com/watch?v=S5irGiB6J8U

 

 

OMAGGIO A PUPI AVATI
La sera di lunedì 6 Dicembre al Teatro Sistina di Roma si è tenuto un grande evento dedicato a Pupi Avati dal titolo "Un poeta fuori del coro" a cura di Adriano Pintaldi.
Il teatro gremitissimo ha applaudito il noto regista e molti amici lo hanno festeggiato musicalmente. Ricordiamo che Pupi, prima di dedicarsi al cinema, suonava il clarinetto a Bologna negli anni '60 nella "Rheno Jazz Gang" che aveva la caratteristica di avere due clarinettisti; l'altro era Lucio Dalla.
Inoltre ha dedicato al jazz diverse sue opere fra le quali ricordiamo lo sceneggiato TV "Jazz Band", il film "Bix" scritto con Lino Patruno e il film "Ma quando arrivano le ragazze".
Ha concluso la serata, in gran parte dedicata a un magnifico documentario sulla sua carriera, Lino Patruno che con il suo jazz show lo ha festeggiato ospitando, oltre ai suoi solisti (Supnick, Sanjust, Manco, Giacomini, Colasante) anche il trombonista bolognese Checco Coniglio, la vocalist Susanna Stivali, Renzo Arbore e Lucio Dalla al clarinetto.
Per il video della "Rheno Jazz Gang" con Pupi Avati digita: http://www.youtube.com/watch?v=q-qrwRzcets&feature=related

                               

     

                                                       

 

 

UNA RARA FOTO RITROVATA
Abbiamo ricevuto da Roberto Villa questa foto che lui stesso scattò nel 1990 in occasione della realizzazione della colonna sonora del film "Bix". Nella foto si riconoscono Bob Wilber, Pupi Avati e Lino Patruno.

 

 

 

 

 

UN INEDITO FILMATO DI EDDIE LANG
Grazie al collezionista Enrico Borsetti è possibile vedere questo rarissimo e fino ad ora inedito filmato di Eddie Lang con l'orchestra dei fratelli Tommy & Jimmy Dorsey e con Tony Parenti presumibilmente nel 1931. Non ci stancheremo mai di apprezzare tutto quello che si riesce a rintracciare per poter godere ulteriormente di tutto quel che c'è intorno alla grande storia del jazz delle origini completamente ignorata e spesso disprezzata dalla maggior parte dei musicisti italiani del jazz (si fa per dire) odierno.
http://www.youtube.com/watch?v=jomyEakZTvQ

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI ROBERTO PREGADIO
Il 15 Novembre è scomparso all'età di 82 anni il maestro Roberto Pregadio. Nato a Catania nel 1928 si diplomò in pianoforte al Conservatorio di Napoli.
Divenne pianista stabile dell'orchestra di musica leggera della RAI nel 1960 ma divenne famoso soprattutto per la trasmissione televisiva "La corrida" alla quale prese parte per 40 anni.
Nel corso della sua carriera musicale scrisse decine di colonne sonore da film e prese parte a diverse trasmissioni radiofoniche fra le quali ricordiamo "Il microfono è vostro" di Nunzio Filogamo.
"Jazz Me Blues" lo ricorda soprattutto per aver formato negli anni '80 il Sestetto Swing di Roma (con Franco Chiari al vibrafono, Baldo Maestri al clarinetto, Carlo Pes alla chitarra, Alessio Urso al contrabbasso e Roberto Zappulla alla batteria) con il quale incise l'album "Five Continents" per la Fonit-Cetra.

 

 

LA SCOMPARSA DI WALTER PAYTON
E' scomparso a New Orleans il 28 Ottobre all'età di 68 anni il contrabbassista Walter Payton.
Padre del trombettista Nicholas Payton, per anni ha suonato alla Preservation Hall di New Orleans, tempio del jazz nella città del delta. Nella sua carriera inoltre ha suonato con la Young Tuxedo Brass Band, con Champion Jack Dupree e con Harry Connick jr.

 

 

 

 

TRAVELING BLUES

E' da poco stato pubblicato dalla casa Jazz'Edit e in un'edizione limitata di 500 esemplari il libro "Traveling blues" che narra la vita e la musica del leggendario trombettista Tommy Ladnier. Per saperne di più clicca qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI VINCENZO MICOCCI
E' scomparso all'età di 82 anni Vincenzo Micocci, direttore artistico della RCA, della Dischi Ricordi e scopritore di grandi talenti della musica leggera italiana. Non dimentichiamoci però che Micocci ha fatto molto per il jazz, dai dischi della "Seconda Roman New Orleans Jazz Band" di Carlo Loffredo, a quelli di Romano Mussolini, a quelli della "Riverside Jazz Band" di Lino Patruno... Inoltre scrisse in binomio con S.G.Biamonte "Il libro del Jazz" Ediz. Universale Cappelli, uno dei primi libri italiani sul jazz, pubblicato nel 1960. Non dimentichiamoci che Micocci, in tempi remoti, tenne per lungo tempo anche trasmissioni radiofoniche sulla storia del jazz, sicuramente le prime del genere in Italia.

 

 

"THIS IS JAZZ!"
Una risposta al "Roma Jazz Festival" che lo swing non sa neanche dove stia di casa!
Clicca: http://www.youtube.com/watch?v=MqAVMTCLYo4

 

 

 

 

 

 

 

LINO PATRUNO ALLA CASA DEL JAZZ
Da Domenica 3 Ottobre alle ore 12, a Roma alla Casa del Jazz in viale di Porta Ardeatina 55, Lino Patruno terrà il secondo ciclo di lezioni dedicato ai grandi compositori della musica americana della prima metà del '900 dal titolo "Fascinating Rhythm - Parte Seconda". Le lezioni si protrarranno tutte le domeniche fino al 17 Novembre.
I compositori previsti da Patruno nel corso del bimestre Ottobre/Novembre sono Waller, Arlen, Donaldson, Styne, Lane, Henderson, Van Heusen, Necio Brown, McHugh, Young...
Affiancherà Patruno la pianista e vocalist Silvia Manco che si alternerà ai filmati, racconti e aneddoti riguardanti i noti compositori.

 

 

 

SITA SINGS THE BLUES
Su segnalazione della pianista e vocalist Silvia Manco Vi segnaliamo il film di animazione SITA SINGS THE BLUES che potete vedere digitando il link: http://www.sitasingstheblues.com/watch.html
Il film è ispirato al poema epico indiano RAMAYANA e la colonna sonora è stata realizzata utilizzando i dischi della vocalist HANNETTE HANSHAW (nella foto) che a cavallo fra gli anni '20 e gli anni '30 registrò moltissimi brani assieme ai più grandi musicisti di jazz dell'epoca che potete ascoltare visionando il film.
Fra i solisti che la accompagnano si ascoltano Joe Venuti, Eddie Lang, Red Nichols, Miff Mole, Arnold Brilhart, Jimmy Lytell, Rudy Vallee, Tommy & Jimmy Dorsey, Benny Goodman, Phil Napoleon, Adrian Rollini...
Un progetto raffinatissimo in netto contrasto con la banalità italiota che contraddistingue i prodotti musicocineradiotelevisivi odierni.

 

 

 

LA SCOMPARSA DI PIERO VIVARELLI
E' scomparso il 7 Settembre all'età di 83 anni il regista e sceneggiatore Piero Vivarelli che nel 1960, assieme a Vittorio Zivelli, diede vita alla Radio a "La Coppa del Jazz". Alla prima edizione, su 15 complessi partecipanti, 7 erano di jazz tradizionale: la "Seconda Roman New Orleans" di Carlo Loffredo, la "Riverside Jazz Band" di Lino Patruno, La "Rheno Dixieland Band" con Pupi Avati e Lucio Dalla ai clarinetti, " il "Bohunkus Trio", la "Riverside Syncopators Jazz Band" di Genova e la "Lazy River Band Society" con Paolo Conte al pianoforte.
A Vivarelli si deve anche il soggetto e la sceneggiatura del film "Urlatori alla sbarra" di Lucio Fulci (1960) in cui appare anche come sassofonista.
Fra i personaggi che Vivarelli invitò a prender parte al film, ricordiamo il trombettista Chet Baker che si esibisce nella canzone di Umberto Bindi "Arrivederci" facendone un autentico gioiello.

 

 

 

LA SCOMPARSA DI RUTH LA ROCCA
A New Orleans, il 23 Agosto, all'età di 91 anni, è mancata Ruth La Rocca, moglie del trombettista Nick La Rocca che nel 1917 con la sua "Original Dixieland Jass Band" incise il primo disco della storia del jazz.
Al figlio Jimmy, valente trombettista e leader della rinata "Original Dixieland Jazz Band", le più sentite condoglianze da parte della Redazione di Jazz Me Blues, di Giuseppe Gruppuso del Centro Studi "Nick La Rocca" di Salaparuta, e di tutti i musicisti che in questi ultimi anni hanno suonato con lui in Italia (Lino Patruno, Mauro Carpi, Nicola Giammarinaro, Calogero Marrali, Tommaso Angileri, Michael Supnick, Silvia Manco, Guido Giacomini, Ettore Zeppegno).
Ruth è stata sepolta a New Orleans nel Cimitero di Greenwood accanto alla tomba del marito.

 

 

 

Ecco il non dimenticato Oscar Klein in una delle passate edizioni del Festival di San Marino: http://dailymotion.virgilio.it/video/x84sx8_all-of-me-oscar-klein-european-jaz_music

 

 

 

 

 

 

Nell'ambito del festival di Villa Carpegna a Roma, dal 28 Agosto al 6 Settembre, sono programmate le proiezioni di alcuni film muti commentati da musicisti contemporanei. Abbiamo già trattato l'argomento a proposito dei film inseriti nell' Espresso lo scorso anno e il nostro commento non si allontana da quello espresso allora. Poveri Alfred Hitchcock, Buster Keaton e Charlie Chaplin! Ancora una volta si rivolteranno nello loro tombe! Se proprio ci tenete a vedere quei film portatevi un lettore CD con le cuffie e sostituite il suono dal vivo con CD d'epoca di Scott Joplin, Jelly Roll Morton e James P. Johnson...

 

 

 

 

 

 

                 

  

                 

 

                 

 

                       

 

 

Pensiamo di far cosa gradita ai nostri lettori pubblicando le copertine dei film di jazz (classico) pubblicati in Italia su DVD disponibili nei negozi o attraverso Internet.

 

 

 

 

 

 

"THE BENNY GOODMAN STORY" SU DVD
Un'altra lacuna colmata; è appena stato pubblicato il DVD del film "The Benny Goodman Story" del 1955 che in Italia uscì con il titolo "Il re del Jazz".
Responsabile dell'uscita del film, il noto critico cinematografico Vieri Razzini che lo ha inserito nella serie da lui curata dal titolo "Il piacere del Cinema" che viene distribuita dalla Flamingo Video. Il numero di catalogo è PSV 7741 ed è facile rintracciarlo attraverso Internet.
Il film è la storia del celebre clarinettista Benny Goodman che ne ha curato la colonna sonora suonando lui stesso il clarinetto e doppiando l'attore/presentatore/pianista Steve Allen che lo interpreta. Il film abbonda di jazz qui suonato da Teddy Wilson, Lionel Hampton, Gene Krupa, Kid Ory, Harry James, Urbie Green, Stan Getz, Alvin Alcorn, George Duvivier, Babe Russin, Buck Clayton, Ziggy Elman, Martha Tilton...
La qualità delle immagini è perfetta, il technicolor impeccabile. Che meraviglia in tempi oscuri e lugubri come quelli che musicalmente stiamo attraversando! Il jazz è morto! W il Jazz, quello che intendiamo noi pero!

 

Per vedere il trailer del film clicca qui.

 

 

 

UN'ALTRA "PERLA" DI RAI UNO
Il 12 Agosto RAI UNO ha programmato il film " W la foca" con Moana Pozzi e in tutti questi anni, pur avendoli in gran parte finanziati, non ha mai trasmesso i film "Ti amo Maria" e "Forever Blues" dedicati al jazz. Penso che nessuno dei suoi dirigenti abbia provato il minimo orrore per se stesso nell'aver programmato il suddetto "W la foca" che sicuramente avrà l'audience altissima nei contronti dei due film di jazz. E pensare che RAI UNO passa per l'emittente di bandiera del nostro paese. Chi sa il futuro televisivo cosa ci riserverà?

Per vedere il video di "Forever Blues" qui.
Per vedere quello di "W la foca" clicca qui

 

 

LA SCOMPARSA DI LELIO LUTTAZZI
E' mancato all'età di 87 anni il pianista, compositore, conduttore e attore Lelio Luttazzi. Nato a Trieste nel 1923 si è spento nella sua città l'8 luglio u.s.
Iniziò la sua attività durante la seconda guerra mondiale a Radio Trieste suonando il pianoforte componendo le sue prime canzoni.
Tra le sue prime composizioni ricordiamo "Il giovanotto matto" scritta nel 1944 e interpretata da Ernesto Bonino.
Dopo la guerra si trasferisce a Milano e collabora con Teddy Reno in seno alla CGD. Nel 1950 dirige una sua orchestra d'archi per Radio Torino e da lì inizia la sua carriera radiotelevisiva nota a tutti.
Dotato di una forte carica di swing si dedicò spesso al jazz incidendo dei dischi interessanti e collaborando con musicisti quali Gorni Kramer, Carlo Loffredo, Roberto Podio, Massimo Moriconi, Lino Patruno...

Per il video di Lelio Luttazzi clicca qui.

 

 

 

Nell'ambito di Umbria Jazz, venerdì 16 Luglio alle ore 11 a Perugia, al Teatro del Pavone in piazza della Repubblica, verrà proiettato il documentario "Da Palermo a New Orleans... e fu subito jazz" prodotto da Renzo Arbore e diretto da Riccardo Di Blasi. Hanno preso parte al documentario il trombettista Jimmy La Rocca figlio di Nick La Rocca che nel 1917 incise il primo disco della storia del jazz, Lino Patruno, Giuseppe Gruppuso, direttore del Centro Studi "Nick La Rocca" di Salaparuta, Gegè Telesforo e Claudio Lo Cascio. Il documentario è stato girato a New Orleans, a Chicago, a Palermo, a Salaparuta e a Roma in casa di Lino Patruno.

 

 

 

 

 

Sono stati pubblicati in Germania dalla Mermbran Shop, ma disponibili anche in Italia, 5 cofanetti dedicati alla Storia del Jazz; ogni cofanetto contiene 100 CD's e il costo è di Euro129,90 ciascuno.
Il primo cofanetto è dedicato al jazz classico, il secondo ai gruppi swing, il terzo alle big band, il quarto al be bop, il quinto al jazz moderno (dal cool jazz all'hard bop).
Sicuramente una buona occasione per molti (sopratutto per i musicisti odierni) di farsi una cultura sulla storia del jazz.
i Cofanetti si possono acquistare on line al seguente indirizzo:
http://www.membran-online.de/index.php?cat=c63_100-CD-Boxen.html

Questi sono i primi 3 cofanetti che sono quelli a cui il nostro sito è interessato:

King Oliver, Jelly Roll Morton, Louis Armstrong, Johnny Dodds, Jimmie Noone, Sidney Bechet, Bix Beiderbecke, Duke Ellington, Fletcher Henderson, Earl Hines, Jack Teagarden, Red Nichols, Clarence Williams, Muggsy Spanier, Frank Teschemacher, Adrian Rollini and many others.

Henry “Red” Allen, Roy Eldridge, Ben Webster, Coleman Hawkins, Lester Young, Johnny Hodges, Benny Carter, Fats Waller, Art Tatum, Benny Goodman, Lionel Hampton, Red Norvo, Teddy Wilson, Buck Clayton, Django Reinhardt, Jack Teagarden, Rex Stewart, Chu Berry, Charlie Christian, Louis Armstrong and many others.

Fletcher Henderson, Benny Goodman, Duke Ellington, Count Basie, Tommy Dorsey, Jimmie Lunceford, Charlie Barnet, Artie Shaw, Woody Herman, Stan Kenton, Gene Krupa, Lionel Hampton, Harry James, Cab Calloway, Glenn Miller, Chick Webb, Louis Armstrong and many others.

A Roma i cofanetti sono disponibili presso la libreria dell'Auditorium Parco della Musica.

 

 

 

LEGNANO JAZZ FESTIVAL
VIII edizione
Legnano cortile di Palazzo Malinverni
Piazza San Magno
ingresso libero
inizio concerti ore 21,00

Mercoledì, 30 giugno 2010
SAVANNAH SERENADERS

Venerdì, 2 luglio 2010
DWAYNE DOPSEY AND THE ZYDECO HELLRAISERS

Venerdì, 9 luglio 2010
SCOTT HAMILTON QUARTET

Sabato, 10 Luglio 2010
ORANGE KELLIN'S NEW ORLEANS HOT SHOTS

 

 

ROMA, viale di Porta Ardeatina, 55

LINO PATRUNO presenta:
"ROMAN CLASSIC JAZZ FESTIVAL" (5a edizione)

1/5 Agosto 2010
 

 

Domenica 1 Agosto ore 21 EMANUELE URSO "KING OF SWING" ed il SUO NUOVO BOP SEXTET
Emanuele Urso (clarinetto, batteria, direzione), Attilio Marzoli (sax tenore), Filippo De Logu (chitarra), Adriano Urso (pianoforte), Marco Loddo (contrabbasso), Francesco Bonofiglio (batteria)

Lunedì 2 Agosto ore 21 HOT STOMPERS
Carlo Capobianchi (cornetta), Enrico Basilico (trombone), Filippo Marino (clarinetto), Luca Rizzo (sax tenore), Paolo Bernardi (pianoforte), Gennaro D'Apote (contrabbasso), Riccardo Colasante (batteria). Special Guests: CLIVE RICHE (voce) (ENGLAND), LINO PATRUNO (banjo)

Martedì 3 Agosto ore 21 "Tribute to Bobby Hackett" GIANLUCA GALVANI SEXTET & Guests
Gianluca Galvani (cornetta), Checco Coniglio (trombone), Andrea Tardioli (clarinetto, sax), Enzo Di Santo (pianoforte), Vincenzo Barbato (chitarra), Renato Gattone (contrabbasso), Riccardo Colasante (batteria), Francesca Ciommei (voce)

Mercoledì 4 Agosto ore 21 OLD CIRCUS JAZZ BAND
Carlo Capobianchi (tromba), Francesco Catania (tromba), Michael Supnick (trombone), Remo Izzi (sax alto, soprano, arrangiamenti), Silvano Funghi (sax tenore, soprano, voce), Ennio D'Alessandro ( C-melody sax, clarinetto), Paolo Bernardi (pianoforte), Norberto Izzi (banjo), Pierluigi Ausili (basso tuba), Paolo Margutta (batteria)

Giovedì 5 Agosto ore 21 LINO PATRUNO JAZZ SHOW
Alberto Collatina (trombone), Gianni Sanjust (clarinetto), Giancarlo Colangelo (sax basso), Adriano Urso (pianoforte), Lino Patruno (chitarra, voce), Guido Giacomini (contrabbasso), Riccardo Colasante (batteria), Mauro Carpi (violino), Elena Paoletti (voce). Special Guest: MICHAEL SUPNICK (cornetta, voce) (USA)

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI CHUCK HEDGES
E' scomparso il 25 Giugno 2010 all'età di 78 anni il clarinettista Chuck Hedges.
Hedges, che era nato a Chicago il 21 Luglio del 1932, aveva suonato con George Brunis, Muggsy Spanier e Wild Bill Davison.
Lo ricordiamo negli anni '60 nella trasmissione televisiva "Ed Sullivan Show" dove riscosse uno straordinario successo.
Per il video di Chuck Hedges con gli All Stars di Wild Bill Davison clicca qui: http://www.youtube.com/watch?v=O1HoJHhxAMQ

 

 

 

 

RIMINI JAZZ 2010
Dal 23 al 26 giugno torna a farsi sentire l’America dei Ruggenti Anni ’20 grazie a RIMINI JAZZ, il 10° Festival Internazionale del Jazz Tradizionale e dello Swing. Musica da ascoltare e ballare, al Parco Fellini ai piedi del Grand Hotel, nella più grande rassegna gratuita d’Italia dedicata al jazz delle origini. Gli ambasciatori italiani del true jazz nel mondo tra produzioni originali e debutti assoluti. Con il grande timoniere del jazz classico Lino Patruno e 12 solisti 12 per la prima volta insieme nell’omaggio al padrino del Chicago Style Eddie Condon, l’inedito tributo di Alfredo Ferrario & Mauro Negri al Benny Goodman italiano Henghel Gualdi, la prima volta dell’Ambassador Band e la resurrezione del suono delle band di colore di New Orleans ad opera della Classical Jazz Forum Orchestra.

Ecco il programma dettagliato:

 

Mercoledì 23 Giugno
LINO PATRUNO & HIS ALL STARS
Tribute to Eddie Condon

Michael Supnick (cornetta, voce), Fabrizio Cattaneo (tromba, voce), Gianni Sanjust e Paolo Tomelleri (carinetto),
Alberto Collatina e Checco Coniglio (trombone), Giorgio Cuscito (sax tenore), Carlo Bagnoli (sax baritono),
Paolo Alderighi (pianoforte), Lino Patruno (chitarra, voce, leader), Guido Giacomini (contrabbasso), Riccardo Colasante (batteria)

-------------------------------------------------

Giovedì 24 Giugno
ALFREDO FERRARIO- MAURO NEGRI SEXTET
Tribute to Henghel Gualdi

Alfredo Ferrario e Mauro Negri (clarinetto), Mario Bianchi (vibrafono), Paolo Alderighi (pianoforte),
Roberto Piccolo (contrabbasso), Marco Castiglioni (batteria)

-------------------------------------------------

Venerdì 25 Giugno
AMBASSADOR BAND


Stefano Serafini (tromba), Federico Tassani (trombone), Guglielmo Pagnozzi ( clarinetto)
Luciano Corcelli (banjo), Gianfranco Verdini (basso tuba), Gianluca Perasole (batteria)

-------------------------------------------------

Sabato 26 Giugno
CLASSIC JAZZ FORUM ORCHESTRA


Alberico Di Meo (pianoforte, leader), Pucci Scarpato (cornetta, voce), Michele Pavese (trombone), Andrea Tardioli (clarinetto, sax alto e soprano), Attilio Marzoli (sax tenore), Enzo il Grande (banjo), Claudio Di Censo (basso tuba),
Renato Musillo (batteria, washboard)

--------------------------------------------------

 

Dalla scorsa edizione del festival ecco "Livery Stable Blues" nell'esecuzione di Jimmy La Rocca con il jazz show di Lino Patruno: http://www.youtube.com/watch?v=fvdhVAn9wqs&translated=1

 

 

 

 

 

C'ERA UNA VOLTA IL JAZZ
Crediamo sia il caso di ricordare il film "Jazz on a Summer's Day" degli anni '50 per il grande jazz che si faceva una volta nei Festival estivi a differenza del piccolo pseudo jazz odierno; per cui forse pensiamo sia meglio raccomandare i pochissimi eventi che ci riguardano che sono mosche bianche nei confronti degli innumerevoli concerti dei malandati festival nostrani ai quali non siamo minimamente interessati.
Oltre al Festival del Jazz di Rimini del quale abbiamo pubblicato a parte l'intero programma, vorremmo segnalarvi:
a Pescara Diana Krall che si esibirà il 15 Luglio mentre il 16 sarà la volta del Rosenberg Trio con Bireli Lagrene, ad Ancona Bob Brookmeyer che si esibirà il 2 e il 6 Luglio, a Rapallo per il "Liguria Jazz Summer" il "Lino Patruno Jazz Show" che si esibirà il 22 Luglio, a Umbria Jazz i "Manhattan Transfer" che si esibiranno il 13 Luglio, Sonny Rollins che si esibirà il 16 Luglio, Tony Bennett il 17 Luglio e dal 9 al 18 Luglio Renato Sellani, Guido Pistocchi (con una dixieland band assieme a Gianni Sanjust e Checco Coniglio) e i chitarristi Christian Escoudé, David Reinhardt e Florin Niculescu, il Rosemberg Trio e Bireli Lagrene per ricordare il grande Django Reinhardt.
Sempre a Perugia in quei giorni verrà proiettato il documentario "Palermo-New Orleans: e fu subito Jazz" realizzato da Renzo Arbore con la collaborazione di Lino Patruno e Jimmy La Rocca, figlio del leggendario Nick che nel 1917 incise il primo disco della storia del jazz.
Per il resto pensiamo sia meglio andare al mare, farsi delle passeggiate, mangiar bene e ascoltare dei CD di buon vero jazz del passato.
Per vedere il trailer del film "Jazz on a Summer's Day" realizzato al Festival di Newport nel 1958 clicca qui: http://www.youtube.com/watch?v=fMLtnskACQg&translated=1

 

 

 

 

 

IL JAZZ IN ITALIA vol. 2
E' stato pubblicato edito dalle edizioni EDT il secondo volume de "Il Jazz in Italia" di Adriano Mazzoletti che racconta la grande avventura del jazz italiano dallo Swing fino alla fine degli anni '60.
Il libro è stato presentato il 28 Maggio alla sala Petrassi dell'Auditorium Parco della musica di Roma oltre che dallo stesso autore anche da Marcello Piras e da Piero Angela che nel corso della serata si è esibito al pianoforte.
Molti musicisti italiani hanno preso parte all'affollatissima serata fra i quali, per quanto riguarda la nostra musica, ricordiamo Carlo Loffredo, Lino Patruno, Gianni Sanjust, Michele Pavese, Gianluca Galvani, Mario Cantini, Roberto Podio, Emanuele Urso e Marcello Rosa che hanno riscosso molti più applausi dei loro colleghi più moderni.
Ad Adriano Mazzoletti la redazione di "Jazz Me Blues" augura il dovuto successo e ne consiglia l'acquisto trattandosi di un'opera fondamentale per quanto riguarda il jazz del passato nel nostro paese.

Per il video di Emanuele Urso clicca qui.

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI LENA HORNE
E' scomparsa il 9 Maggio 1910 all'età di 92 anni la celebre vocalist statunitense Lena Horne. Nata nel 1917 la Horne aveva esordito al Cotton Club di Harlem all'età di 16 anni ottenendo uno straordinario successo. Debuttò nel cinema nel 1942 e la ricordiamo nei film "Stormy Weather" (1943) accanto a Cab Calloway e Fats Waller, "Due cuori in cielo"(1943) con Duke Ellington e Louis Armstrong, "Due ragazze e un marinaio" (1944) con Harry James e Jimmy Durante. Aveva sposato il celebre pianista bianco Lennie Hayton ma tenne segreto il suo matrimonio per anni a causa delle continue minacce razziali.

Per il video di Lena Horn clicca qui.

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI REMI ETTORE
E' scomparso di recente il batterista Remi Ettore che fin dagli anni '60 militò per anni prima nella "Riverside Jazz Band" poi nella "Milan College Jazz Society". Ettore era nato al Cairo in Egitto e prima di trasferirsi in Italia aveva suonato in tutta Europa con l'Orchestra di Bob Azzam.
Con la "Riverside Jazz Band" prese parte alla realizzazione del LP "Albert Nicholas in Milan"e con la "Milan College Jazz Society" al LP " Milan College Jazz Society 25 Years After" assieme a Bud Freeman, Ralph Sutton e Oscar Klein e al LP "Singin' the Blues" assieme a Jimmy McPartland e Dick Cary.
Per il video di Remi Ettore clicca qui:

http://www.youtube.com/watch?v=kjYjVJtEL3Y

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI HANK JONES
E' scomparso all'età di 91 anni l'ultimo grande pianista della storia del jazz. Hank Jones, che era nato a Viksburg (Mississippi) nel 1918, è morto in un ospizio di Manhattan il 16 Maggio 2010.
Nella sua lunga carriera collaborò con alcuni giganti del jazz fra i quali ricordiamo Charlie Parker, Milt Jackson, Ella Fitzgerald, Ben Webster, John Coltrane, Wes Montgomery, Dexter Gordon, Jack Teagarden, Bobby Hackett, Bud Freeman, Bob Wilber e Bucky Pizzarelli...
Venne spesso in Italia e lo ricordiamo ad Etna Jazz con Milt Jackson su invito di Lino Patruno e Romano Mussolini e alla Casa del Jazz negli ultimi anni.

Per il video di Hank Jones clicca qui: http://www.youtube.com/watch?v=xaWzFmCyPGo

 

 

I "JAZZ CLUB" DI JAZZ CLASSICO IN ITALIA
Il momento non è dei migliori ma bene o male in qualche jazz club d'Italia si può ancora ascoltare del buon jazz classico. Vorremmo ricordare ai nostri amici questi jazz club:
ROMA - "Cotton Club" via Bellinzona, 2 (ang. Corso Trieste)
MILANO - "Caffè Doria Jazz Club" via Adrea Doria, 22
MILANO - "Jumpin' Jazz" viale Monza, 140
MILANO - "Ypsilon" via Valenza, 5
Nella sezione "concerti" del sito si possono conoscere i programmi day by day.
Per il resto in Italia ci sono molti altri jazz club che si dedicano a un jazz diverso al quale però non siamo minimamente interessati.

Clicca qui per vedere un raro documento registrato qualche anno fa al "New Orleans Cafè", il miglior jazz club italiano che, purtroppo, un paio di anni fa ha dovuto chiudere i battenti e che speriamo sempre che prima o poi riapra da qualche altra parte.

 

 

TORNA "JAZZ BAND" in TV
Il non dimenticato sceneggiato in tre puntate "Jazz Band" diretto da Pupi Avati nel 1978 ritorna in TV sul Canale Digitale terrestre RAI STORIA nei giorni 17, 18 e 19 Maggio alle ore 12. Ricordiamo fra gli interpreti Lino Capolicchio, Carlo delle Piane, Gianni Cavina, Adriana Innocenti e Maria Grazia Bon. La sigla dello sceneggiato portava la firma del non dimenticato Henghel Gualdi; fra i musicisti che hanno preso parte alla colona sonora: Gianni Sanjust, Marcello Rosa, Nardo Giardina...
Vi raccomandiamo di non perdervelo anche per fare un confronto con la triste realtà televisiva che stiamo vivendo.
Per vedere uno stralcio di "Jazz Band" clicca qui: http://www.youtube.com/watch?v=fNATNWpC_zY

Per la sigla eseguita da Henghel Gualdi clicca qui: http://www.youtube.com/watch?v=vLMoXIlkkRY&translated=1

 

 

LA SCOMPARSA DI HERB ELLIS
E' scomparso a Los Angeles il 28 Marzo 2010 all'età di 88 anni il grande chitarrista Herb Ellis. Ellis, che era nato a Farmersville nel 1921, è stato uno dei grandi chitarristi fin dagli anni '40 quando militò nell'Orchestra di Jimmy Dorsey. Per anni fu accanto a Oscar Peterson e a Ray Brown e nel Jazz at the Philarmonic. Ha inciso dischi con tutti i grandi del jazz fra i quali ricordiamo Ella Fitzgerald, Louis Armstrong, Dizzy Gillespie, Buddy Rich, Stan Getz, Barney Kessel e i Dukes of Dixieland.
Per il video di Herb Ellis clicca qui: http://www.youtube.com/watch?v=TL9HPYu0NKs

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI JAKE HANNA
E' scomparso a Los Angeles il 12 Febbraio del 2010 il batterista statunitense Jake Hanna. Hanna, che era nato a Boston nel 1931, aveva suonato con alcuni dei grandi del jazz fra i quali ricordiamo Maynard Ferguson, Marian McPartland, Woody Herman, Carl Fontana, Peanuts Hucko, Dan Barrett, Randy Sandke, Johnny Varro... Jake Hanna è stato uno dei batteristi più richiesti come sideman, in sala di registrazione, nei TV Show.

Per il video di Jake Hanna clicca qui:

http://www.youtube.com/watch?v=XpCdtwTSR8k&translated=1

 

 

 

E' appena uscito nelle edicole allegato a "l'Espresso" il primo DVD della serie "Sound For Silence - La magia del Cinema", in cui vengono riproposti alcuni capolavori del cinema muto sonorizzati da Nicola Piovani e da alcuni rappresentanti dell'odierno "jazz spaghetti". Il primo numero è dedicato al cinema fantastico di George Méliès e, a parte il tema d'apertura dovuto alla penna di Piovani (tra l'altro molto indovinato e in carattere con le immagini), non ci pare proprio che la musica nei filmati successivi si sposi felicemente con le immagini, anzi..! E poi del commento parlato di Jovanotti ne vogliamo parlare? Ma come è possibile che si possa offendere, vilipendere, danneggiare, violentare e bistrattare opere d'arte come queste? Che delusione per coloro che amano storicamente e profondamente il cinema! Ci permettiamo di darvi un consiglio: inserite il DVD sul vostro lettore ma guardate questi capolavori abbassando fino a zero il volume; al suo posto mettete sul vostro lettore CD dei brani di piano solo di Scott Joplin o di Jelly Roll Morton, di Eastwood Lane, di Rube Bloom o altra musica pianistica del primo Novecento per poter ritrovare la magia dell'epoca non solo nelle immagini ma anche nella musica.

 

 

I FESTIVAL DI JAZZ ITALIANI ALLA RESA DEI CONTI
Pare che i festival di jazz italiani siano arrivati alla frutta e questo non può che farci piacere. I comuni non hanno più soldi, gli agenti sono tutti in crisi, i musicisti non ne parliamo neanche. Era ora che si dicesse basta a quel "Jazz Spaghetti" che da anni ha fatto da padrone sulla scena jazzistica italiana. Abbiamo contato oltre 200 inutili festival ogni anno e adesso pare che la pacchia sia finita.
"Jazz Me blues" salva solo il Festival di Rimini e il Roman Classic Jazz Festival alla Casa del Jazz che pare proprio siano in fase di allestimento.
Ma secondo noi la ragione vera è la "rottura" nell'aver per anni assistito a noiosissimi concerti senza capo né coda, senza melodie, senza swing e senza quella gioia che il jazz in anni remoti aveva sempre elargito. Speriamo che per il futuro le regole cambino e che si ritorni a fare il jazz che piace a noi (e di conseguenza alla gente) e che il pubblico torni a battere i piedi e a divertirsi. Qualcuno su Jazz Channel ha detto che gli italiani hanno il jazz nel DNA, probabilmente si riferiscono al "Jazz Spaghetti" e non a quello vero che di italiano ha molto poco eccettuato il fatto che diversi pionieri del jazz erano figli di emigranti (Nick La Rocca, Joe Venuti, Eddie Lang (Salvatore Massaro), Tony Sbarbaro, Wingy Manone, Leon Roppolo...).
Il Jazz pare sia morto! W il Jazz (quello vero però).
 

 

 

 

 

 

 

In occasione del 50° Anniversario di attività la Carosello ha inserito tutta la raccolta nota come "Jazz in Italy" su itunes.
Questi 5 album sono i primi 5 online registrati da Lino Patruno con la Milan College Jazz Society con ospiti di riguardo come Teddy Wilson, Bud Freeman, Billy Butterfield, Jimmy McPartland, Dick Cary, Eddie Miller, Wingy Manone.
Per vedere il filmato di Bud Freeman (uno dei protagonisti della serie) clicca il link di seguito:
http://www.youtube.com/watch?v=fIEmt3tXDCw&translated=1

 

 

LUCIO DALLA IN JAZZ NEGLI ANNI '60
Ecco una rarissima foto scattata da Lino Patruno nei primi anni anni '60 al Festival del Jazz di Bologna. Al clarinetto un giovanissimo Lucio Dalla con la "Seconda Roman New Orleans Jazz Band" con Piero Saraceni (tromba), Peppino De Luca (trombone), Maurizio Majorana (contrabbasso), Roberto Podio (batteria). Ricordiamo che allora Lucio Dalla, oltre che nella Seconda Roman, faceva parte anche della "Rheno Dixieland Band" di Bologna che aveva la caratteristica di avere due clarinettisti, l'altro era Pupi Avati.

Per ascoltare Lucio Dalla al clarinetto clicca qui: http://www.youtube.com/watch?v=i6Ddp8Ays5U

 

 

 

LA SCOMPARSA DI NICOLA ARIGLIANO
E' scomparso a 87 anni nella notte di mercoledì 31 Marzo il noto cantante Nicola Arigliano. Arigliano, che era nato a Squinzano in provincia di Lecce nel 1923, iniziò la sua carriera artistica a Milano legando spesso il suo nome ai grandi musicisti di jazz dell'area meneghina fra i quali ricordiamo Franco Cerri, Gianni Basso, Renato Sellani... Nella sua lunga carriera, grazie a Marshall Brown, riuscì anche ad esibirsi al Festival del jazz di Newport dove riscosse uno straordinario successo. Invitato da Lino Patruno si esibì in uno storico concerto a San Marino al Teatro Turismo assieme ad alcune fra le grandi stars italiane come Gil Cuppini, Romano Mussolini, Carlo Loffredo, Henghel Gualdi, Laura Fedele, Bruno Longhi, Carlo Bagnoli, Enzo Randisi, Alberto Collatina, Guido Pistocchi, Gianni Sanjust...come potete vedere cliccando il seguente link: http://www.youtube.com/watch?v=LmZsVmQUsSk
 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI ART VAN DAMME
E' scomparso il 15 Febbraio del 2010 a Miami (Florida) all'età di 89 anni il celebre fisarmonicista Art Van Damme.
Van Damme, che era nato a Norway nel Michigan nel 1920, aveva iniziato la sua attività nel 1934 a Chicago e nel 1941 era stato il fisarmonicista della band di Ben Bernie (l'autore di "Sweet Georgia Brown"). Dal 1945 al 1960 fu ospite fisso per la NBC agli Show di Dinah Shore e di Dave Garroway. Registrò sempre per la NBC Radio 130 puntate del suo "Art Van Damme Show" della durata di 15' ciascuna.
Ebbe il merito di adattare la musica di Benny Goodman alla fisarmonica con straordinari risultati.
Il nostro Gorni Kramer era nato nel 1913 e crediamo di non esagerare nell'affermare che entrambi sono stati i due più grandi fisarmonicisti della storia del jazz.
Per il video di Art Van Damme clicca: http://www.youtube.com/watch?v=mWzxtFiivzs

 

 

BRUNETTA E LA MUSICA
Il ministro Brunetta ha attaccato gli artisti italiani e in particolare i musicisti. Le sue esagerate e farneticanti osservazioni sono come le bugie: hanno le gambe corte (ogni riferimento ad personam è puramente casuale). Guardate con quanta foga si scaglia contro le arti cliccando questo link:
http://www.youtube.com/watch?v=CeVr6YvEmtM

 

 

 

WOODY ALLEN A ROMA ALL'AUDITORIUM
Mercoledì 31 Marzo alle ore 21,00 all'Auditorium "Parco della Musica" di Roma, Woody Allen terrà un concerto con la sua Jazz Band della quale fanno parte: Simon Wettenhall (tromba), Jerry Zigmont (trombone), Conal Fowkes (piano), Eddy Davis (banjo), Greg Cohen (contrabbasso) e John Gill (batteria), oltre logicamente allo stesso Woody al clarinetto.
Dopo innumerevoli e inutili concerti di jazz contemporaneo, finalmente un concerto di jazz che entusiasma e fa battere i piedi invece della solita noia e la proverbiale rottura di palle.                Per vedere un filmato di Woody Allen clicca qui.

 

 

LINO PATRUNO E LA SUA JAZZ BAND A SANREMO CON ARISA
Per poter rivedere la Jazz Band di Lino Patruno che si è esibita con Arisa al recente Festival della Canzone di Sanremo, basta cliccare sul link della RAI qui di seguito:
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-2788e976-4f39-4fbf-bacb-c36e99c4d595.html?p=0

 

 

 

Finalmente Roma ha un negozio dove si possono trovare esclusivamente CD, Video, Libri e Dischi in Vinile di Jazz.
L'iniziativa è di Roberto Manganini che tutti gli appassionati romani (e non) conoscono da decenni.
Il negozio si chiama "Blue Jazz" e si trova in Via delle Fornaci, 59 Tel. (06) 636357.
A Roberto, "Jazz me Blues" augura il successo che merita.
www.bluejazz.it
bluejazzdialbertog.e@tiscali.it

 

 

 

LA SCOMPARSA DI PETER VAN WOOD
Il 10 di Marzo ci ha lasciato all'età di 83 anni il cantante-chitarrista Peter Van Wood.
Nato all'Aia in Olanda nel 1927 si trasferì in Italia dove ottenne un grande successo grazie ad alcune sue gradevoli canzoni nelle quali traspariva lo swing e il jazz feeling che lo hanno sempre contraddistinto.
Iniziò lo studio della chitarra a 14 anni e a diciannove già si esibisce in Inghilterra sia come solista di musica classica che come chitarrista jazz. Concerti al Palladium di Londra, alla Carnegie Hall di New York, all'Olympia di Parigi e in altri celebri teatri e music hall. Sperimenta il suono della chitarra attraverso effetti speciali come l'eco e il riverbero. A Lisbona vince il concorso internazionale di chitarristi, piazzandosi al primo posto fra oltre 600 concorrenti.
Ha preso parte a diverse manifestazioni jazzistiche fra le quali ricordiamo il Festival del Jazz di San Marino negli anni '90 assieme a Carlo Loffredo.

Per vedere un filmato di Peter Van Wood clicca qui.

 

 

I GRANDI FESTIVAL DEL JAZZ TRADIZIONALE IN EUROPA

"Guiness Cork Jazz Festival" CORK (Irlanda)
"Bohem Ragtime & Jazz Festival" KECSKEMET (Ungheria)
"Jazz & Swing" RIMINI (Italia)
"Boogie Woogie Piano Festival" LUGANO (Svizzera)
"Norwick Jazz Party" NORWICH (Inghilterra)
"Roman Classic Jazz Festival" ROMA (Italia)
"Keswick Jazz Festival" KESWICK (Inghilterra)
"Riverboat Jazz Festival" SILDEBORG (Danimarca)
"Molde Jazz" MOLDE (Norvegia)
"Whitley Bay International Jazz Festival" WHITLEY BAY (Inghilterra)
"Silda Jazz" HOUSGESUND (Norvegia)
"Marciac Jazz Festival" MARCIAC (Francia)
"William Shakespeare Traditional Jazz" - STRATFORD UPON AVON (Inghileterra)

 

 

SENZA IL MINIMO ORRORE DI LORO STESSI
Che bella sorpresa la copertina di quella ormai inutile rivista che risponde al nome di "Musica Jazz"! In copertina c'è nientepopodimeno (avrebbe detto Mario Riva) Sting che con il jazz c'entra come i cavoli a merenda. Ma quei "signori" non hanno proprio nient'altro da mettere in copertina, oltre a non avere il minimo orrore di loro stessi nel dedicare la copertina della rivista a una pop star?
Sicuramente non hanno nient'altro da proporre dal momento che non conoscono minimamente i veri straordinari musicisti del jazz classico di oggi.
Ma ti risponderebbero che non vanno di moda e allora.....? Se tanto mi dà tanto, ci aspettiamo che nei prossimi numeri in copertina pubblichino le foto di Gino Paoli, di Domenico Modugno, di Fabrizio De Andrè, di Umberto Bindi (che di recente sono stati oggetto di rivisitazioni, ahimè, diciamo jazzistiche) e magari di Celentano se qualcuno di questi rampanti rappresentanti del "jazz spaghetti" prima o poi dovesse celebrarlo. Che squallore! Che tristezza! L'unica cosa che Sting ha in comune con il jazz sono 4 lettere del suo nome vale a dire la Esse, la I, la Enne e la Gi. Ma gli manca la W perché possa avere Swing (che la Ti purtroppo non ha!).

 

 

LA SCOMPARSA DI BRUNO DE FILIPPI
Il 16 Gennaio è scomparso a Milano il chitarrista-armonicista Bruno De Filippi.
Le sue collaborazioni sono state molteplici: da Louis Armstrong (al Festival di Sanremo) a Gerry Mulligan, da Bud Shank ad Astor Piazzolla, da Les Paul a Caterina Valente, Toquinho etc. Negli ultimi anni aveva collaborato con il pianista Don Friedman incidendo dischi e suonando a New York.
Ha collaborato inoltre con artisti italiani fra i quali ricordiamo Tullio De Piscopo, Mina, Ornella Vanoni, Gino Paoli, Rossana Casale, Franco Cerri, Enrico Intra, Renato Sellani, Johnny Dorelli...
La redazione di "Jazz Me Blues" è vicina alla sua compagna e a tutti gli amici che gli hanno sempre voluto bene.

Per vedere un filmato di Bruno De Filippi clicca qui.

 

 

 

LINO PATRUNO PRESENTA "FASCINATING RHYTHM" ALLA CASA DEL JAZZ A ROMA
Da domenica 10 Gennaio alle ore 12,00, per 8 domeniche consecutive fino al 28 Febbraio, Lino Patruno presenta:
"Fascinating Rhythm", un ciclo di lezioni con proiezioni dedicato ai grandi compositori americani della prima metà del '900.
Affianca Lino Patruno la pianista/vocalist Silvia Manco a cui sono affidate le esecuzioni dal vivo.
Clicca qui per vedere Nat King Cole interpretare "Stardust" di Hoagy Carmichael (uno dei protagonisti del ciclo).
http://www.youtube.com/watch?v=tFyKAUBkdOs

 

 

 

 

 

ON THIS DAY OF JAZZ

Cari amici, la Redazione di "Jazz Me Blues" vi consiglia di visitare il seguente sito che ha trovato veramente straordinario: www.jazzagemusic.blogspot.com
Se avete qualche amico che ama il jazz-spaghetti, inoltrateglielo: chissà che non si converta alla verità!

 

 

 

 

 

UN VIDEO INEDITO PER IL CENTENARIO DELLA NASCITA DI BIX BEIDERBECKE
Michel Laplace ha inserito su Facebook un video inedito registrato al Festival di Ascona nel 2003 in occasione di un grande concerto organizzato da Lino Patruno per il Centenario dalla nascita di Bix Beiderbecke. Al concerto, oltre allo stesso Patruno, presero parte Tom Pletcher, Randy Reinhart, Randy Sandke, Jon-Erik Kellso, Bob Wilber, Kenny Davern, David Sager, Andy Stein, Keith Nichols, Howard Alden, Joel Forbes e Ed Metz Jr.

Ecco il link per visionare il filmato:

http://www.facebook.com//video/video.php?comments=&v=1208901595546

 

 

 

 

IL NUOVO LIBRO DI LINO PATRUNO
E' in uscita, edito dalle Edizioni Pantheon, il nuovo libro di Lino Patruno dal titolo "Quando il jazz aveva swing". Nel volume il noto musicista racconta i suoi innumerevoli incontri sia con i grandi della storia del jazz, sia con i più straordinari rappresentanti del jazz classico oggi nel mondo. Una seconda parte del libro racconterà l'attività di Patruno negli anni del nuovo millennio e infine la discografia aggiornata chiuderà il volume.
Coloro che fossero interessati al volume possono rivolgersi alle:
Edizioni PANTHEON, via Alatri, 30 - 00171 ROMA - Tel. (06) 81901431
info@editorialepantheon.it

 

 

 

 

 

 

 

YOUTUBE IN JAZZ

C’è modo e modo di “passare alla storia” sull’attualità. C’è chi ci passa per le intercettazioni, chi per le tangenti, chi per gli scandali, chi per le prescrizioni… ma anche chi fortunatamente lo fa attraverso il jazz.

Il musicista italiano di jazz più gettonato su Youtube è Lino Patruno che vanta oltre 900 video per un totale fino ad ora di circa 800.000 visite. I 20 filmati di Patruno più “gettonati” al 31 Maggio 2010 sono i seguenti:

1) SWEET GEORGIA BROWN (con Joe Venuti) (62.706)
2) I’M CRAZY ‘BOUT MY BABY (con The European Jazz Stars) (49.255)
3) PETITE FLEUR (con Gianni Sanjust) (39.049)
4) WHEN YOU'RE SMILING (con Michael Supnick) (33.960)
5) STORMY WEATHER BLUES (con Barbara Dennerlein) (27.524)
6) LIMEHOUSE BLUES (con Joe Venuti) (20.768)
7) WHEN THE SAINTS GO MARCHIN’ IN (dal film "Forever Blues") (18.282)
8) LINGER AWHILE (con Bucky Pizzarelli) (18.154)
9) HELLO DOLLY (con Guido Pistocchi ) (18.113)
10) FOREVER BLUES (con Minnie Minoprio dal film "Forever Blues") (17.677)
11) IT HAD TO BE YOU (con Renzo Arbore) (15.713)
12) UNDECIDED (con Ed Polcer e Gianni Basso) (14.571)
13) STARDUST (13.724)
14) GLENN MILLER TRIBUTE (con la Portobello Jazz Orchestra) (13.434)
15) PERDIDO (con Romano Mussolini e Oscar Klein) (13.269)
16) REMEMBERING RANDOLPH SCOTT (13.078)
17) HAPPY FEET (13.023)
18) JUMPIN’ AT THE WOODSIDE (con The European Jazz Stars) (12.593)
19) AT THE JAZZ BAND BALL (con Kenny Davern e Oscar Klein) (11.469)
20) ROYAL GARDEN BLUES (con The European Jazz Stars) (10.910)

Vi invitiamo a visitare i filmati di Lino Patruno attraverso il seguente link:
http://www.youtube.com/results?search_query=lino+patruno&search_type=&aq=f

 

 

LA SCOMPARSA DI PIERLUIGI SANGIOVANNI
E' scomparso all'età di 75 anni il contrabbassista milanese Pierluigi Sangiovanni, da tantissimi anni nel gruppo di Vittorio Castelli "Jambalaya Six".
Ai suoi familiari e ai suoi colleghi musicisti le condoglianze da parte di Jazz Me Blues.

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI NUNZIO ROTONDO
Il 15 Settembre ci ha lasciato all'età di 84 anni il trombettista romano Nunzio Rotondo.
Rotondo fin dagli anni '50 fu uno dei protagonisti del jazz italiano e si distinse per il suo stile personale e straordinariamente originale.
Negli anni '50 aveva suonato al Festival del Jazz di Parigi e in quella occasione incontrò Dizzy Gillespie di cui divenne amico. Una lunga amicizia lo legò anche a Sonny Rollins. Sempre negli anni '50 suonò anche con Louis Armstrong in una famosissima trasmissione radiofonica.
Vorremmo ricordare i suoi dischi incisi per la Columbia negli anni '50 e quello della RCA assieme a Romano Mussolini, Lilian Terry e Gianni Sanjust.
Non crediamo di esagerare nell' affermare che Nunzio Rotondo sia stato l'interprete più personale del jazz italiano.

Per vedere un filmato di Nunzio Rotondo clicca qui.

 

 

 

Louis Armstrong con la cantante di blues Victoria Spivey in una rarissima foto del 1930.
Ricordiamo che Victoria Spivey incise con i secondi Hot Five di Louis Armstrong nel 1929 e che nello stesso anno prese parte al film "Hallelujah!" di King Vidor, considerato il film più vicino al jazz nero degli anni '20.

Clicca qui per il video di Victoria Spivey: http://www.youtube.com/watch?v=b56femgj90E

 

 

 

 

 

SE N'E' ANDATO GIANNI BASSO: UNO DEGLI ULTIMI GIGANTI DEL JAZZ ITALIANO
Il 17 Agosto è morto, all’ospedale di Asti, il musicista Gianni Basso. Aveva 78 anni. Per mezzo secolo è stato protagonista di concerti in Italia e all’estero. Riconosciuto come uno dei più grandi esponenti del jazz italiano, ha fatto parte di band di primo piano come la Kenny Clarke/Francis Boland Big Band, la Maynard Ferguson Big Band e la Thad Jones Big Band. Nato ad Asti, ma quasi subito trasferitosi in Belgio con la famiglia, Basso iniziò a studiare prima il clarinetto, poi il sax entrando giovanissimo nella band di Raoul Falsan. Rientrato in Italia nel ’50, forma con il trombettista Oscar Valdambrini la Basso-Valdambrini Quintet che ottiene per decenni uno straordinario successo. Ha collaborato con Gerry Mulligan, Chet Baker, Dino Piana, Glauco Masetti, Attilio Donadio, Renato Sellani, Guido Pistocchi e Lino Patruno.
Alla moglie Luciana e ai figli Gerri, Roberto e Alex le più vive condoglianze da parte della redazione di "Jazz Me Blues".

Potete vedere un filmato di Gianni Basso cliccando di seguito: http://www.youtube.com/watch?v=gmc0hFTec68

 

 

LA SCOMPARSA DI LES PAUL
Il 13 Agosto a New York è mancato il leggendario chitarrista Les Paul.
Les Paul che era nato a Waukeska il 9 Giugno 1915 era stato ricoverato all'Ospedale di White Plains a New York dove è spirato per complicazioni polmonari.
Aveva iniziato la sua carriera tra la fine degli anni '20 e i primi anni '30 a Chicago e negli anni '40 aveva avuto un grandissimo successo creando un celebre duo assieme alla moglie Mary Ford.
Inventore della chitarra Gibson Les Paul, aveva creato il banco di registrazione a 8 tracce e la tecnica delle incisioni sovrapposte.
Fra i suoi grandi successi discografici per la Capitol ricordiamo "What is the Thing Called Love", "Johnny is the Boy for Me", "Just One More Chance", "Bye Bye Blues", "Whispering", "How High the Moon" e "Nola".
E' stato attivo in un club di New York fino a pochi giorni prima di essere ricoverato in ospedale.
La redazione di "Jazz Me Blues" lo piange con commozione.

Clicca di seguito per vedere il video di Les Paul & Mary Ford: http://www.youtube.com/watch?v=e0ffdwBUL78&feature=related

 

 

 

 

 

Nell'articolo di presentazione del "Roman Classic Jazz Festival" apparso sull'Edizione romana de "La Repubblica" del 1 Agosto 2009, accanto alle fotografie di Lino Patruno, Emanuele Urso e la Old Circus Jazz Band, è apparsa anche la foto del batterista Roberto Gatto che né con il Festival, né con il jazz classico ha a che fare.
Forse è un errore della redazione, ma se così non fosse, ci aspettiamo che nel prossimo articolo riguardante una rassegna di jazz odierno, venga pubblicata la foto di Carlo Loffredo o di chiunque altro non abbia a che fare con il jazz che va di moda oggi.

 

 

 

 

L'ennesimo festival che usa la parola "jazz" a sproposito. In questa manifestazione le "stars" sono PATTY PRAVO, THE BLIND BOYS OF ALABAMA, MADELEINE PEYROUX, MORGAN E LE SAGOME (si, proprio quello di X Factor) e STEFANO BOLLANI.
Un po' poco perché possa venire usata la parola "jazz", ma oramai in Italia tutto è possibile e non dobbiamo più meravigliarcene, così come non ci si è meravigliati più di tanto nell' aver visto televisivi e veline intraprendere negli ultimi anni la carriera politica.
Sarebbe stato più giusto chiamare la manifestazione "Monfort in Pop and more" e nessuno avrebbe detto niente.

 

 

FINALMENTE "LA CITTA' DEL JAZZ" SU DVD
Dopo circa 20 anni dall'uscita del VHS, per la gioia degli appassionati, ecco finalmente "La città del Jazz" (New Orleans) del 1946 diretto da Arthur Lubin su DVD.
Il film racconta l'esodo di Storyville del 1917 ed è interpretato da uno straordinario cast di musicisti: Louis Armstrong, Billie Holiday, Kid Ory, Barney Bigard, Charlie Beal, Bud Scott, Red Callender, Zutty Singleton, Papa Matt Carey, Meade Lux Lewis e Woody Herman doppiato nella versione italiana da Alberto Sordi. Per quanto riguarda i sottotitoli in italiano ci siamo molto divertiti nel rilevare che "Basin Street" è diventata "Bessie Street" nella migliore tradizione italo-troglodita basata esclusivamente sull'ignoranza, sul pressappochismo, sulla stupidità. Vorremmo ricordare che 50 anni fa morivano Billie Holiday e Sidney Bechet, il grande sopranista della storia del jazz, anche lui nato a New Orleans; ma di entrambi, i festival del jazz italioti non si sono ricordati. Dal canto suo "Jazz Me Blues" vuole ricordarli con questi due filmati:

Billie Holiday nel film "La città del Jazz" http://www.youtube.com/watch?v=jk__n5KX5tE

Sidney Bechet "Premier Bal" http://www.youtube.com/watch?v=7HTAur7eozI

 

 

 

LA SCOMPARSA DI CHARLY HÖLLERING
Il 25 Maggio u.s. all'età di 65 è scomparso il grande clarinettista tedesco Charly Höllering che era nato nel 1944.
Nella sua lunga carriera Höllering aveva suonato con moltissimi musicisti fra i quali ricordiamo Tony Scott, Dan Barrett, Oscar Klein e Tom Baker.
Con i nostri connazionali aveva suonato con Paolo Tomelleri e con Lino Patruno in un grande concerto ad Ascona nel 2002 dedicato al primo grande chitarrista della storia del Jazz, Eddie Lang.
Per vedere Charly Höllering in "Whispering" registrato ad Ascona nel 2002 clicca qui: http://www.youtube.com/watch?v=Cb1b0BnJKZI

 

 

 

E' stato pubblicato in USA su etichetta Jazzology il CD "It Had To Be You" (JCD-369) registrato al Festival del Jazz di Rimini l'11 Giugno 2008.
Si tratta del concerto di Lino Patruno & the American All Stars con Randy Reinhart (c), Dan Barrett (tb), Allan Vachè (cl), Mark Shane (p), Guido Giacomini (b), Ed Metz jr (dm) e Rebecca Kilgore (vo). A detta di Giorgio Lombardi, che ne ha curato il testo di presentazione, si tratta di un CD di altissimo livello ed è quanto di meglio oggi ci sia nel panorama del jazz classico internazionale. Questo è il quarto CD di Lino Patruno che la Jazzology ha pubblicato negli ultimi anni: il primo era dedicato a Eddie Condon, il secondo a Eddie Lang, il terzo a Bix. In queste registrazioni, oltre i solisti sopracitati, sono presenti musicisti del calibro di Ed Polcer, Tom Pletcher, Randy Sandke, Jon-Erik Kellso, Tom Baker, Dave Sager, Andy Stein, Bob Wilber, Kenny Davern, Evan Christopher, Jim Galloway, Bucky Pizzarelli, Frank Vignola, Howard Alden, Al Viola, Marty Grosz, Joel Forbes, Keith Nichols, Michael Supnick, Clive Riche, Rossano Sportiello, Giampaolo Biagi...

Clicca per "I've Found a New Baby"

Clicca per "Them There Eyes"

Clicca per "The Nearness of You"

Clicca per "It Had To Be You"

 

Per ordinare il CD scrivi a: jazz@linopatruno.it

 

 

LESTER YOUNG, UN ALTRO GRANDE DIMENTICATO
Ricorrono quest'anno ben due ricorrenze importanti riguardanti lo stesso personaggio. Si tratta di Lester Young nato nel 1909 e scomparso nel 1959.
Quindi ricorre il centenario dalla nascita e il cinquantenario dalla morte. Pensate che qualcuno lo ricorderà negli innumerevoli inutili festival del jazz all'italiana?
Sono pronto a scommettere qualsiasi cosa che questa notizia cadrà nell'oblio. Comunque guardatevi questo rarissimo filmato in cui Lester suona "Polka Dots and Moonbeams" cliccando qui:
http://www.youtube.com/watch?v=A6ogRiaWXaU

 

 

 

ANCHE BEN WEBSTER COMPIE 100 ANNI
Ricorre quest'anno anche il centenario di Ben Webster, assieme a Lester Young e Coleman Hawkins, altro grande tenorsassofonista della storia del Jazz.
Ma gli attuali operatori jazzistici odierni hanno cambiato la "Costituzione " del Jazz; di conseguenza questi grandi artisti del passato sono pressoché dimenticati e sicuramente ascoltando il jazz che c'è in giro oggi si staranno rivoltando nella tomba.

Guardiamo e ascoltiamo Ben Webster cliccando qui: http://www.youtube.com/watch?v=UQJybhk47xU

 

 

 

CHE TRISTEZZA!
Umbria Jazz ha presentato il suo programma di Luglio e le "stars" su cui punta sono Paolo Conte, Simply Red, Burt Bacharach (con tutta la stima), James Taylor, Donna Summer, Steely Dan, Tuck & Patty... Ogni commento è superfluo. Il Jazz è morto! W il Jazz (quello vero che purtroppo non c'è più). E, come avevamo previsto, nessun omaggio a Benny Goodman, Gene Krupa e Art Tatum che quest'anno compiono 100 anni. Che tristezza!
Comunque rifatevi le orecchie ascoltando il grande inimitabile Art Tatum cliccando questo link:
http://www.youtube.com/watch?v=qYcZGPLAnHA

 

 

"Jazz Movies" è il titolo di un nuovo ciclo di 8 conferenze che Lino Patruno tiene a Roma alla Casa del Jazz tutte le domeniche al mattino dalle ore 12 alle ore 13,30 dal 26 Aprile al 14 Giugno 2009. Il ciclo è dedicato alla Storia dei film dedicati al jazz dal 1927 (anno in cui fu presentato il primo film sonoro della storia del cinema) a tutt'oggi e si vale di rarissimi filmati d'epoca che accompagnano le parole del relatore. L'indirizzo della Casa del Jazz è viale di Porta Ardeatina, 55. Si raccomanda di arrivare in anticipo perché c'è il rischio che una volta riempito l'Auditorium non ci sia più la possibilità di accedervi. L'ingresso è gratuito.

 

 

 

RICORDO DI FELIX CAMERONI
In occasione del trentennale della scomparsa del clarinettista Felix Cameroni (1916-1977) è stato pubblicato il libro "Una vita in Si bemolle - Profilo di un artista" scritto dal figlio Gianni Cameroni e edito da Rugginenti Editore. Al libro sono allegati due CD dove si possono anche riascoltare tutte le incisione che Cameroni registrò nel 1952 con i Jubilee Dixielanders di cui faceva parte il trombonista Nick Muti.
Uno degli ultimi impegni di Cameroni fu quello in trio al Santa Tecla di Milano negli anni '70 riaperto da Lino Patruno dopo la chiusura durata una decina d'anni.

 

 

 

BEATA IGNORANZA
La dichiarazione sulla paternità italo-americana del jazz rilasciata da Lino Patruno nell'intervista che Massimo Nunzi gli ha fatto nella "Grande Storia del Jazz" allegata alla rivista "L'Espresso", ha suscitato non poche polemiche. Sarebbe interessante leggere le motivazioni contrarie; purtroppo l'ignoranza degli appassionati italiani in fatto di storia del jazz è enorme e i "dissidenti" si limitano soltanto a dire di non essere d'accordo e nient'altro.
Sull'argomento tra breve in TV vedremo uno special curato da Renzo Arbore che si è valso della collaborazione di Lino Patruno e di Jimmy La Rocca, figlio di Nick La Rocca (nella foto) che incise il primo disco della storia del jazz nel 1917. Vorremmo ricordare alcuni pionieri italo-americani della storia del jazz che hanno inciso dischi diversi anni prima di Armstrong, Ory, Oliver e Morton; fra questi: Tony Sbarbaro, Leon Roppolo, Arnold Loyacano, Wingy Manone, Jimmy Durante (proprio l'attore comico), Sharkey Bonano, Jack"Papa"Laine (George Vitale), Santo Pecora, Grank Guarente... Perché tutto questo? Perché New Orleans era diventata una colonia di agricoltori siciliani che riuscivano ad arrivare in Louisiana grazie al costo ridotto del biglietto di viaggio pari a circa la metà di quello delle navi che da Palermo arrivavano a New York.

 

 

IL COMMENTO DI MARIO RAJA SU ELLINGTON
Sul 4° DVD della Grande Storia del Jazz contenuto nella rivista "L'Espresso" del 2 Aprile, in un'intervista a Massimo Nunzi, il sassofonista Mario Raja, commentando la personalità di Ellington, si è così espresso: "Ellington, come Louis Armstrong, è stato capace di aver inventato qualcosa dal nulla; prima di lui la musica jazz non aveva una personalità, non aveva una grandezza che invece ha acquistato nel giro di pochissimi anni grazie a lui e ai suoi musicisti".
Vorremmo chiedere a Mario Raja se ha mai ascoltato Fletcher Henderson, Clarence Williams, King Oliver, Bunk Johnson, Oscar "Papa" Celestin, James P. Johnson, Sidney Bechet, Bix Beiderbecke, Joe Venuti, Eddie Lang, Earl Hines, i fratelli Dorsey, Eddie Condon, Jimmy McPartland, Frank Teschemaker, Bud Freeman, Benny Goodman nelle sue prime incisioni, Muggsy Spanier, Johnny Dodds, Kid Ory, Albert Nicholas, Bessie Smith, Red Nichols, la Original Dixieland Jass Band, Jack Teagarden, Frank Trumbauer, Hoagy Carmichael, Miff Mole, Adrian Rollini, Jelly Roll Morton... Probabilmente non li conosce altrimenti non si sarebbe espresso in questi termini (a dir poco offensivi) nei confronti di coloro che hanno veramente creato il Jazz tra gli anni '10 e gli anni '20. Purtroppo la disinformazione e la non conoscenza della storia sembrano essere una caratteristica di molti musicisti del jazz odierno che da parte nostra, in ugual misura, ignoriamo totalmente.

 

 

LA GRANDE STORIA DEL JAZZ è il titolo di una recente iniziativa della "Repubblica/L'Espresso" costituita da 12 CD e 12 DVD a cura del trombettista e direttore d'orchestra Massimo Nunzi qui anche presentatore dell'opera che si vale di moltissimi musicisti e critici di jazz italiani.
Oltre alle incisioni storiche sui CD, bellissimi sono i filmati d'epoca che accompagnano le interviste. Ospite d'eccezione Lino Patruno che appare in moltissime puntate a commento del jazz tradizionale e dello Swing qui giustamente celebrati in ampia misura.

 

 

Il gruppo "Swing Chopin" esegue quasi esclusivamente brani del pianista polacco, che suonò e compose anche per Big Band. I suoi brani offrono tutto quello che un improvvisatore desidera: melodie belle, strutture interessanti, svolte armoniche improvvise ed altro. Fra l’altro è molto più vicino al jazz rispetto ad altri autori classici che normalmente vengono citati, come Bach, Ravel e Debussy. La musica di Chopin è vicina anche a quella del grande chitarrista Django Reinhardt, per il fatto di appartenere entrambi sia alla cultura francese che a quella slava, oltre ad essere abili improvvisatori.
Fanno parte dello “Swing Chopin” due chitarristi, uno Maurizio Geri, l’altro Riccardo Galardini. Completano il gruppo il solido e fantasioso contrabbassista Paolo Ghetti e il clarinettista (e autore degli arrangiamenti) Klaus Lessmann.

 

 

Il 14 Febbraio è mancato Hermann Meyer, trombettista storico della "Original Lambro Jazz Band" negli anni '50. Meyer che aveva 81 anni, esordì nel Novembre del 1951 con la Lambro, al 3° Festival Nazionale del Jazz al Teatro Nuovo di Milano. Nel 1956 è a Parigi al 1° Festival Internazionale del Jazz New Orleans al Velodromo d'Inverno. Si deve a lui e al batterista Renzo Clerici l'apertura dei primi due locali di jazz milanesi: l'Arethusa (nel Febbraio del 1951) e il Santa Tecla (nel Novembre dello stesso anno). "Jazz Me Blues" esprime le sue condoglianze alla famiglia. Ricordiamo che il figlio Christian è un bravissimo batterista di jazz e inoltre fa parte del gruppo "Elio e le storie tese".

 

 

 

Il giornalista e scrittore di jazz Giorgio Lombardi da Febbraio ha iniziato la sua collaborazione con la rivista "Jazz It" e ne siamo molto felici sia per il fatto che Giorgio gode della nostra stima, sia perché pensiamo che Luciano Vanni & Co abbiano fatto un ottimo affare. D'ora in poi la rivista sarà ancora più interessante e più appetibile per i cultori del jazz classico. Per il numero di Maggio/Giugno, in occasione del Centenario della nascita di Benny Goodman, Lombardi ha preparato uno "speciale" con allegato un CD contenente alcune rarità di eccezionale interesse.

 

 

 

 

Nel 2009 ricorre il centenario dalla nascita di Benny Goodman e Gene Krupa. Quanti degli inutili e innumerevoli festival (diciamo del "jazz") che vengono organizzati d'estate nel nostro paese si ricorderanno di questi due grandi della storia? A parte i Festival di Crotone e di Rimini, al momento non ce ne risultano altri. Umbria Jazz nel 2001 non festeggiò il Centenario di Armstrong, figuriamoci se quest'anno si ricorderà di Goodman e Krupa! Si accettano scommesse! Siamo sicuri di vincerle dal momento che sicuramente verranno inesorabilmente dimenticati a favore di qualche "rockettaro doc" che fa parte della stupida quanto inutile dicitura "Jazz e dintorni".


Clicca per il quartetto di Benny Goodman con Gene Krupa, Teddy Wilson, Lionel Hampton (1937)

 

 

Finalmente Roma ha un negozio dove si possono trovare esclusivamente CD, Video, Libri e Dischi in Vinile di Jazz.
L'iniziativa è di Roberto Manganini che tutti gli appassionati romani (e non) conoscono da decenni.
Il negozio si chiama "Blue Jazz" e si trova in Via delle Fornaci, 59 Tel.(06)636357.
A Roberto, "Jazz me Blues" augura il successo che merita.

 

 

 

La VAI (Video Artists International) ha pubblicato negli Stati Uniti un DVD dedicato a Joe Venuti dal bravissimo violinista Jeremy Cohen. Cohen si misura con alcuni grandi temi scritti da Joe Venuti e con celebri brani che il grande violinista di Philadelphia amava interpretare. Il video è la registrazione di un concerto tenuto in teatro a San Francisco durante il quale sono stati anche proiettati alcuni rari filmati (inseriti nel DVD), fra i quali quello tratto dal film "King of Jazz" con Eddie Lang e quello girato a Milano nel 1975 con Lino Patruno.
Conclude la serie dei filmati una curiosa sequenza casalinga in cui il grande violinista si prepara un caffè nella cucina della sua casa.

 

Clicca per "Wild Cat"

 

 

IN USA UN FILM E UNA SERIE TV SU LOUIS ARMSTRONG
Una bella notizia per noi appassionati (meno per gli spaghettari del jazz) è quella che in USA sono in cantiere due progetti cinematografici dedicati a Louis Armstrong: un film per il grande schermo interpretato da Forest Whitaker (che interpretò il film "Bird" che Clint Eastwood dedicò a Charlie Parker nel 1998) e una serie televisiva della durata di sei ore che vede impegnati il grande musicista-arrangiatore Quincy Jones, l'attore Charles S. Dutton nella parte di Satchmo e il regista John Sayles. Chi sa se è il vento di Obama o se ci si è finalmente resi conto che il pubblico si è rotto le palle?

Clicca per "Rockin' Chair"

 

 

Ci ha lasciati all'età di 69 anni per complicazioni polmonari il cornettista statunitense Dick Sudhalter. Richard (che era il suo vero nome) era nato a Boston (Massachusetts) il 28 dicembre 1938 e si è spento il 19 settembre a New York City dopo una lunga malattia.
La prima volta incontrammo Sudhalter al Festival del Jazz di Nizza negli anni '70 e già ci era noto il suo lavoro sia come musicista che come scrittore (ricordiamo che nel 1974 aveva già pubblicato il libro "Bix, Man and Legend" e successivamente su Carmichael e sui musicisti bianchi della storia del Jazz).
Da allora aveva suonato con tutti i grandi del jazz e Bobby Hackett lo volle fisso nella sua orchestra. In Inghilterra fondò la "New Paul Whiteman Orchestra" ricreando gli arrangiamenti d'epoca e reinterpretando Bix Beiderbecke.
Fu spesso in Italia suonando con Lino Patruno, Carlo Loffredo, Carlo Bagnoli, Red Pellini, Giorgio Cuscito e Luca Velotti.
Alla sorella Carol, sassofonista e flautista, "Jazz Me Blues" invia il più profondo cordoglio.

 

Clicca per "Davenport Blues"
 

 

 

Abbiamo trovato in un supermarket il CD qui a fianco riprodotto "Glenn Miller- Only Original Hits" edito alla Golden Box A&R Productions contenente 18 brani del celebre direttore d'orchestra degli anni '30 e '40. E fin qui niente da dire; ma se guardate bene l'immagine riprodotta in copertina, al posto di Glenn Miller riconoscerete Benny Goodman con in mano il suo clarinetto. L'ennesima cantonata all'italiana che tristemente si commenta da sè.
 

 

Clicca per "I've Got a Gal in Kalamazoo"

 


 

JAZZ MAGAZINE
Grande inaugurazione l'11 di Settembre al "Jazz Magazine" di Roma in via Tolemaide 19/a - Tel. (06) 39742126.
L'infaticabile Giancarlo Colangelo con non poche difficoltà è riuscito a organizzare una serata degna di quelle oraganizzate nelle grandi capitali del jazz.
Sulla scena si sono succeduti Carlo Loffredo, Lino Patruno, Red Pellini, Emanuele e Adriano Urso, Guido Giacomini, Riccardo Colasante, Clive Riche, Renato Gattone, Giorgio Cuscito, Jimmy Polosa, Alberto Botta, Natasha Bonacci, Francesca Faro... Tra gli ospiti Franco Nero, Renzo Arbore, Giorgio Bracardi, Enrico Montesano, Maurizio Micheli e i registi Giovanni Brusatori e Riccardo Di Blasi.
Grande assente, anche se invitata, la RAI (ci saremmo molto meravigliati che fosse stata presente).
A Giancarlo i migliori auguri da parte della nostra redazione per un sempre crescente successo del "Jazz Magazine" e di conseguenza del Jazz Tradizionale che molti rappresentanti del "Jazz Spaghetti" snobbano e non sopportano, invidiosi del grande successo che suscita ovunque.

Clicca per "Little Girl"

 

 

Il 29 Luglio all'età di 70 anni e' scomparso il violinista Piergiorgio Farina.
Noto nel mondo della musica leggera ma dotato di capacità jazzistiche non indifferenti, si accostò spesso al nostro mondo. Ricordiamo la sua performance al Festival del Jazz di Mosciano quando ne era direttore artistico Lino Patruno, i suoi concerti "manouche" con il Trio "Martirani Gipsy Swing" e la sua partecipazione allo Special dedicato a Joe Venuti da Lino Patruno realizzato per la Televisione della Svizzera Italiana.

Clicca per "Sweet Georgia Brown"

 

 

Il 16 di Agosto a Salaparuta in provincia di Trapani si è tenuto il concerto "La notte delle stelle del Jazz" che ha visto la partecipazione del jazz-show di Lino Patruno con Renzo Arbore e con Jimmy La Rocca, figlio di Nick La Rocca che si è esibito in alcuni classici scritti dal padre fra il 1917 e il 1920.
Il concerto ha visto la presenza di 5000 persone che hanno applaudito a lungo i tre protagonoisti della serata e gli altri musicisti (Michael Supnick , Nicola Giammarinaro, Tommaso Angileri, Silvia Manco, Mauro Carpi, Guido Giacomini, Gianluca Galvani, Calogero Marrali e il batterista David Hansen che Jimmy La Rocca ha portato con sé da New Orleans).
Ci chiediamo quale rappresentante del jazz spaghetti avrebbe potuto avere un pubblico altrettanto numeroso ed entusiasta.
(Nella foto Lino Patruno e Jimmy La Rocca)

Clicca per "Tiger Rag"

 

 

E' molto raro ma a volte succedono dei miracoli. Pensate, dopo anni e anni di inutili brutture musicali, "Musica Jazz" nel numero di Agosto /Settembre ha inserito un godibilissimo CD dal titolo "Jazz & Noir" dedicato alle colonne sonore dei film d'epoca di sapore jazzistico.
Fra le perle si possono ascoltare autentici capolavori affidati a grandi indimenticabili interpreti come Bobby Hackett, Lee Wiley, Errol Garner, Julie London, Ray Anthony, Joe Bushkin, Chico Hamilton, Alex North, Maynard Ferguson, Ella Fitzgerald, Duke Ellington, Miles Davis, Shorty Rogers, Art Farmer...
Inoltre interessantissimo è l'inserto cartaceo centrale dedicato ai grandi film "noir" d'epoca con delle bellissime riproduzioni dei manifesti originali d'epoca.
Che fosse l'inizio di una svolta verso la grande musica del passato? Sarebbe bello ma non credo proprio che i miracoli possano continuare a ripetersi e il tutto tornerà al grigiore odierno.

Clicca per "Phantom Lady"

 

 

E' stato pubblicato di recente un ennesimo dizionario del jazz edito da Mondadori scritto da Philippe Charles, Andrè Cleargeat e Jean Louis Comolli.
In sostanza l'opera fu pubblicata dagli autori nel 1967 a cui di recente sono stati aggiunti gli ultimi inutili quarant'anni da Luca Conti, giornalista della rivista "Musica Jazz", che ne ha fatto un vero e proprio scempio dimenticando musicisti e soprattutto aggiungendone di inutili. L'ennesima operazione "made in Italy" avariata, inutile e diseducativa nella quale, per la parte italiana, primeggiano esclusivamente i rappresentanti del "Jazz Spaghetti". Stendiamo non uno ma due veli pietosi.

 

 

 

Invece di tutt'altra pasta è il libro fotografico "Jazz from A to Z" edito da Mediane Libri di Carlo Verri, il quale non soltanto ha fotografato musicisti moderni ma ha dato ampio spazio a quelli della tradizione, italiani compresi. Ve lo raccomandiamo vivamente soprattutto per la bellezza delle immagini ovviamente e doverosamente tutte in bianco e nero.

 

 

 

 

Pensiamo sia il caso di  dare la notizia della pubblicazione di questo libro che abbiamo sfogliato e sul quale abbiamo trovato soltanto un disco degno del titolo, vale a dire il Songbook di Cole Porter affidato alla voce di Ella Fitzgerald. Per il resto siamo felici di vivere senza gli altri 32 dischi molti dei quali (fortunatamente) non abbiamo mai sentito neanche nominare.

 

 

 

 

 

 

 

 

LA SCOMPARSA DI ERNESTO BONINO

Un'altra bella voce dell'Italia che fu ci lascia. Si è spento a Milano, a 86 anni, Ernesto Bonino. Cantante famosissimo e apprezzato anche all'estero, viveva dal 2003 nella casa di riposo per musicisti Giuseppe Verdi, grazie al sussidio che lo Stato gli aveva assegnato nel 2000 con la legge Bacchelli. Soprannominato Mister swing fu uno dei nomi più popolari della musica leggera anni '40 e '50 con Natalino Otto e Alberto Rabagliati, dopo il suo fortunato debutto alla radio nel 1941.
Aveva iniziato la carriera a Torino, dove era nato il 16 gennaio 1922. Per anni cantò nell'orchestra di Pippo Barzizza e alla fine della guerra fece una lunga tournee in sud e centro America, mentre nel 1952 arrivò negli USA, dove riuscì a cantare nei grandi club jazz delle maggiori città, tanto da restarvi per vari anni. Negli anni Sessanta la sua popolarità andò velocemente scemando; poi venne il declino e l'oblio accentuati dalla perdita della voce, avvenuta nel 1986 dopo un'operazione.

 

Clicca per "Oh, Baby Kiss Me"

 

 

E' stato appena pubblicato dalla Erga Edizioni il volume "Django oltre il mito - La via non americana al jazz" di Roberto G. Colombo, con prefazione di Jim Hall e presentazione di Vincenzo Caporaletti. Il libro (una riflessione generale sulla figura del geniale chitarrista Django Reinhardt, condotta attraverso un’indagine critica di quanto è stato scritto in merito agli aspetti più rilevanti della sua vicenda artistica) consta di 300 pagine con 35 illustrazioni d'epoca e si trova in tutte le librerie al costo di 15 euro.

 

 

Clicca per "J'attendrai"

 

  

 

E' in libreria il volume "Billie Holiday, che palle!" scritto da Carlo Loffredo, edito da Coniglio Editore.

E' l'autobiografia del noto contrabbassista/banjoista e animatore delle notti jazzistiche romane, ma in sostanza è una vera e propria storia del jazz romano dal dopoguerra ad oggi ricco di fatti, di note di costume, di episodi, di curiosità, di incontri, di personaggi che rendono questo libro godibilissimo. Il volume è corredato da rarissime e bellissime fotografie e di riproduzioni di lettere, programmi, locandine e manifesti.

Il curioso titolo non piacerà a molti appassionati ma questo nulla toglie al valore dell'opera che consigliamo a tutti gli appassionati di jazz. Il costo è di 19,50 Euro.

 

Clicca per "Begin' The Beguine"

 

 

 

Harry O. Brunn, l'autore del libro "The Story of Original Dixieland Jazz Band" pubblicato nel 1960, è scomparso all'età di 88 anni a Buffalo nello stato di New York, sua città natale.

Brunn negli anni '50 aveva suonato il trombone nella formazione inglese "Original Downtown Syncopators" e successivamente nei "New Charleston Chasers".

Lo scrittore siciliano Salvatore Mugno nel 2005 gli dedicò un libro dal titolo "Il biografo di Nick La Rocca" edito da BESA. 

 

Clicca per "Jazz Me Blues"

 

 

Il pianista Paolo Alderighi è arrivato 2° al Referendum "Top Jazz 2007" di "Musica Jazz" categoria  "Miglior Nuovo Talento". Che sta succedendo? Si tratta di un miracolo o si stanno ravvedendo (meglio tardi che mai)?

Comunque facciamo i nostri migliori a auguri a Paolo e Vi pregheremmo inoltre di votarlo anche sul sito www.italianjazzawards.com nella Categoria "Brand New Jazz Act".

Volendo si può votare anche tutti i giorni.

 

Clicca per "Honeysuckle Rose"

 

 

 

 

Vivissimi complimenti alla rivista "Jazz Magazine" che dedica ogni mese un paio di articoli e interviste a personaggi del jazz tradizionale italiano.

Negli ultimi tre numeri (N. 59-60-61) sono stati intervistati Lino Patruno, Carlo Loffredo, Alfredo Ferrario, Giorgio Cuscito e Red Pellini.

Nel N. 61 è stato pubblicato un saggio su Nick La Rocca.

In soli 3 numeri questa rivista ha fatto molto di più che le altre "riviste" italiane (a parte "Blu Jazz") hanno fatto negli ultimi 30 anni. 

 

 

LA SCOMPARSA DI HUMPHREY LYTTELTON

E' scomparso all'età di 87 anni il trombettista, clarinettista e bandleader inglese Humphrey Lyttelton.

Lyttelton è stato anche cartoonist, giornalista, scrittore e per anni lavorò alla radio presentando programmi di jazz.

Era nato a Eton, Berkshire, il 23 Maggio 1921 ed è scomparso a Barnet, Hertfordshire, il 25 Aprile del 2008.

Iniziò la sua carriera nel 1948 e da allora ha diretto la sua formazione sempre con grandi successi e riconoscimenti.

 

Clicca per "Sweet Georgia Brown"

 

 

 

La scomparsa di Keith Smith.

E' scomparso all'età di 68 anni  il trombettista inglese Keith Smith.

Nato a Londra cominciò a suonare all'età di 17 anni. Dopo aver visitato New Orleans nel '66 organizzò una tournèe europea con Alvin Alcorn (tromba), Jimmy Archey (trombone), Darnell Howard (clarinetto), Alton Parnell (pianoforte), Pops Foster (contrabbasso) e Cie Frazier (batteria). Nel '69 ritorna a New Orleans e incide un disco con il clarinettista George Lewis. Nel 1980 promuove il concerto "The Wonderful World of Louis Armstrong" con Arwell Shaw (contrabbasso), Barrett Deems (batteria), Johnny Mince (clarinetto), Nat Pierce (pianoforte), Bob Havens (trombone) stampato poi su Home Video. Ha girato il mondo in lungo e in largo è si è esibito anche in Italia con il jazz show di Lino Patruno. 

 

 

LA SCOMPARSA DI MAX PALCHETTI
 

Ci ha lasciato a Firenze il trombonista Max Palchetti che per anni, nella sua città, con i suoi "Bed Bean Jazzers of Florence", ha tenuto vivo il jazz di New Orleans. Fu grande amico di Oscar Klein fin dagli anni '50 (da quando Klein abitava a Firenze) e per anni si esibì al "Jazz Club" di Firenze.
 


 

 

 

Puoi vedere la trasmissione "JAZZ ME BLUES"

a cura di LINO PATRUNO

cliccando sulla foto sottostante.

 

 

La trasmissione si articola in tre serie per un totale di 38 puntate complessive della durata di un'ora ciascuna.

 

 

 

 

 

Finalmente il film "BIX, un'ipotesi leggendaria" su DVD

 

E' finalmente disponibile nelle videoteche il DVD del film "Bix" diretto nel 1991 da Pupi Avati che con il fratello Antonio e Lino Patruno ne ha scritto il soggetto e la sceneggiatura. Lino Patruno ne ha prodotto anche la colonna sonora realizzata a Roma con la partecipazione di:

Bob Wilber (arrangiamenti, clarinetto, C melody sax, sax soprano), 

Tom Pletcher (cornetta),

David Sager (trombone),

Kenny Davern (clarinetto),

Andy Stein (violino),

Keith Nichols (pianoforte), Lino Patruno (chitarra, banjo),

Vince Giordano (sax basso, bassso tuba, contrabbasso),

Walter Ganda (batteria)

e con

Fabrizio Cattaneo (cornetta), Cesare Poggi (pianoforte), Al, Claudio Corvini ed Enrico Fineschi (tromba), Marcello Rosa e Mario Corvini (trombone), Red Pellini (sax tenore), Eric Daniel (clarinetto, sax alto), Massimo Pastorello, Marcello Sirignano e Corrado Stocchi (violino)

 

bix.jpg

 Clicca sulla foto per il video del film "Bix"

 

 

"FOREVER BLUES"

 

"Forever Blues" è il titolo del film  prodotto, interpretato e diretto da Franco Nero.

Nel film Franco Nero interpreta la parte di un trombettista di jazz che suona nel "Jazz Show" di Lino Patruno il quale, oltre a interpretare la parte di se stesso, è autore della colonna sonora del film. Per questo film, è stato premiato per la migliore canzone originale con la Nomination al David di Donatello, con il Globo d'Oro della Stampa Estera e con il Premio Fregene per Fellini.

Al film prendono parte anche Minnie Minoprio nel ruolo della cantante del gruppo e i musicisti Michael Supnick (tromba e trombone) che doppia Franco Nero alla tromba, Mauro Carpi (violino), Giancarlo Colangelo (sax basso), Adriano Urso (pianoforte), il vocalist Clive Riche (qui nella parte di un vagabondo suonatore di armonica a bocca) oltre a Lino Patruno al banjo.

Il film è stato scritto da Lorenzo De Luca da anni collaboratore di Franco Nero per le sceneggiature.

Fra gli altri interpreti del film: Paola Saluzzi, Robert Madison ( figlio del noto attore Guy Madison,"western star" degli anni '50 e '60) e il piccolo Daniel Piamonti.

Nelle videoteche è disponibile il DVD a Euro 9,90

 

img_223847_lrg.jpg

 Clicca sulla foto per il video del film "Forever Blues"

 

 

 

Oltre che su YouTube, si possono vedere i video di jazz  anche su Dailymotion digitando:

http://dailymotion.alice.it/playlist/xb7q_redhotjazz_personal-favourites

 

in particolare quelli di Lino Patruno digitando:

http://dailymotion.alice.it/videos/relevance/search/lino+patruno/1